Tamponi?Fortunati a non averlo fatto: lesioni celebrali per errate indicazioni dell’Iss

|a cura di Maria Parente

Un punto di riferimento, una garanzia, l’Istituto Superiore della Sanità(ISS) che avrebbe dovuto garantire efficienza e tranquillità nel momento in cui l’epidemia da Coronavirus divampa e si diffonde a macchia d’olio. Nella persona e nel nome di Silvio Brusaferro, che ha spalleggiato la Protezione civile per tutta la durata dell’emergenza sanitaria, gli italiani hanno riposto speranze e fiducia, per indicazioni, avvertenze e qualsiasi dato o fatto che possa essere disposto per la propria salvaguardia. L’ISS ha fatto da papà, se così si può dire, ai medici ed operatori sanitari di tutto il Paese spiazzati da un’imprevista e malefica infezione a cui mai si era provveduto negli anni passati. In primis , su tutto, preziose le linee guida per il corretto procedimento di applicazione e utilizzo dei tamponi. Che corre d’uopo precisare si individuano due precise tipologie : tampone oro-faringeo e tampone rino-faringeo.

Il rapporto n° 11 datato 7 aprile riporta la procedura dedicata al prelievo delle mucose e secrezioni: per quanto riguarda l’esame “rino-faringeo” (ovvero dal naso), l’Iss scriveva che l’operatore sanitario doveva “invitare il paziente ad assumere una posizione eretta con la testa leggermente inclinata all’indietro”, “inserire il tampone nella narice e spingerlo lungo la cavità nasale per circa 2,5 cm in modo da raggiungere la parte posteriore della rinofaringe”. Poi doveva “ruotarlo delicatamente” e ripetere la manovra nell’altra narice. Con riferimento al tampone oro-faingeo invece si specificava di “strofinare la zona tonsillare”.

Tutto molto chiaro e lineare, non per Fabrizio Pregliasco,  virologo dell’Università di Milano , che denuncia un’ondata di falsi negativi ,casi simil-Covid con tampone negativo e polmonite interstiziale nonostante i soggetti incriminati fossero stati sottoposti all’esame.

Inizialmente l’allarme è stato lanciato da Marzio Balzanelli, presidente nazionale della Sis 118 e fortunatamente ricalcato per rivelare l’amara e triste verità: la procedura indicata dalle linee guida disposta dall’ISS per il prelievo del muco dalle cavità nasali è errata. Errare humanum est ma può capitare, non è però altresì giustificabile come la correzione e diffusione delle esatte indicazioni sia pervenuta dieci giorni dopo dalla prima fasulla pubblicazione. E chissà quanti tamponi sono stati effettuati in quell’arco temporale: uomini e donne convinti della negatività al virus, tranquillamente in libertà e senza le dovute precauzioni.

Errore da matita rossa per Gaetano Libra, otorino laringoiatra dell’Ospedale Maggiore di Bologna: ”  “In quel testo – ha spiegato alla Stampa – si indica una posizione verticale obliqua del tampone, anziché orizzontale rivolta in direzione del canale uditivo, come dovrebbe essere. Con il rischio che, eseguito in questo modo, il tampone non raggiunge la zona dove si raccolgono muco e secrezioni nei quali va ricercato il virus. Inoltre in questo modo c’è il serio rischio di lesioni al cervello e al bulbo olfattivo”.

Molto diversa invece la seconda versione, quella del 17 aprile, dove la testa non è più rivolta all’indietro ma anzi “leggermente inclinata in avanti” (il contrario). L’operatore inoltre non deve più spingere il tampone “lungo la cavità nasale per circa 2,5 cm”, ma orientarlo “verso il rinofaringe (che esternamente corrisponde al condotto uditivo esterno) e spingerlo lungo il pavimento nasale per circa 6-8 cm in modo da raggiungere la parte posteriore della rinofaringe”. E poi non deve limitarsi a “ruotarlo delicatamente”, ma ricordarsi di farlo “in senso orario e/o antiorario”.

Non solo, errori grossolani anche per il tampone oro-faringeo :nella prima versione si chiedeva di “strofinare la zona tonsillare”, nella revisione è precisato invece che il tampone deve arrivare fino alla “zona retro-tonsillare”. 

Scivolone clamoroso per l’Iss che ancora oggi e nonostante le correzioni continua a far circolare sulla rete il precedente errato documento.

Written By
More from Redazione

”Come se non ci fosse domani” il primo film di ‘Pino e gli Anticorpi’

Il film comico ”Come se non ci fosse un domani” diretto da...
Read More