Cina: registrata crescita del 6,1%

Sotto i contraccolpi della disputa tariffaria con gli Stati Uniti, la Cina nel 2019 rallenta ai minimi da 29 anni: l’economia cinese ha registrato una crescita del 6,1%, rimanendo all’interno dell’obiettivo fissato dal governo di una crescita tra il 6% e il 6,5%, ma al livello più basso dal 1990.

Nel terzo e quarto trimestre dello scorso anno, l’economia è cresciuta del 6% su base annua. Su base congiunturale, la crescita invece tra ottobre e dicembre scorsi è stata dell’1,5%, contro il +1,4% del trimestre precedente.

Ora il paese metterà in atto maggiori misure di sostegno all’economia di quest’anno, parole dichiarate dal direttore dell’Ufficio Nazionale di Statistica cinese Ning Jizhe, a commento dei dati, definendo “normali” le fluttuazioni e sottolineando che il governo non è alla ricerca di un’alta crescita economica a tutti i costi.

Risultati immagini per economia cina

Nel 2019, gli investimenti in beni fissi sono cresciuti del 5,4%, la produzione invece del 5,7% rispetto al 2018. Ed ancora, per le vendite al dettaglio la crescita e rimasta stabile. Nonostante le pressioni al ribasso sull’economia, emergono segnali di ripresa alla fine dell’anno scorso. Invece è stato registrato un calo della produzione di alluminio che è scesa dello 0,9% e di carne suina. Soltanto quella di acciaio è cresciuta dell’8,3%.

Per il 2020, il primo ministro cinese, Li Keqiang, prevede una crescita in un range ragionevole, anche se si ritiene probabile un abbassamento del target, attorno al 6%, in linea con le proiezioni del Fondo Monetario Internazionale che fissa la crescita cinese per il 2020 al 5,8%.

fonte: www.agi.it

Tags from the story
, ,
Written By
More from Redazione

L’agenzia delle entrate può essere difesa anche da avvocati del libero Foro?

Agenzia delle entrate può essere difesa in Giudizio da avvocati del libero...
Read More