Se entro il 31/12 non sigleranno il ‘Patto per la Salute’ a rischio ci saranno oltre 3 miliardi di finanziamenti

Se le Regioni non sigleranno il Patto per la Salute entro il 31 dicembre sono a rischio 3,5 miliardi di euro di finanziamenti alla sanità, parole annunciate da Nino Cartabellotta, presidente della fondazione Gimbe, secondo cui comunque il Patto è ormai anacronistico. Questo Patto riguarda un’accordo finanziario e programmatico tra Governo e Regioni per la gestione del Servizio Sanitario Nazionale. La scadenza di ciò era prevista prima il 31 marzo 2019 ma poi è slittata al 31 dicembre.

“Bisogna avere l’onestà intellettuale e politica di riconoscere che il Patto per la Salute è uno strumento anacronistico per varie ragioni”- aggiunge. 

Risultati immagini per SALUTE

L’arco temporale di riferimento è di 3 anni (troppo breve), da qui si presuppone che la durata reale è sempre inferiore a quanto programmato e l’obiettivo di rinnovarlo ogni tre anni viene spesso disatteso per la scadenza dei mandati elettorali; inoltre non essendo di fatto sottoposto ad alcun monitoraggio, finisce per avere un impatto sull’organizzazione dei servizi sanitari sostanzialmente nullo sulla salute delle persone, perché la maggior parte delle misure concordate rimangono inattuate.

L’analisi della Fondazione dimostra che Governo e Regioni hanno bruciato quasi 11 mesi. Per questo occorre siglare al più presto senza modificare l’orizzonte temporale del Patto per la Salute 2019-2021 in 2020-2022, allineandolo a quello della Legge di Bilancio 2020, al fine di assegnare anche le risorse per il 2022.

FONTE: www.ansa.it

Written By
More from Redazione

Trump,le nuove minacce affondano le borse

La nuova offensiva di Donald Trump sul fronte commerciale manda a picco tutti i...
Read More