Hong Kong: la moschea colpita da un getto di colore blu, Carrie Lam è corsa a porgere le scuse

La leader di Hong Kong, Carrie Lam, ha presentato le scuse della sua amministrazione all’imam della moschea sulla penisola di Kowloon: nella giornata di domenica, il luogo di culto era stato colpito dal getto di colore blu di un idrante usato per disperdere la folla di manifestanti anti-governativi. Stamattina si è recata alla moschea di buon mattino, accompagnata dal capo della Polizia, Stephen Lo, e ha avuto un colloquio di circa venti minuti con il religioso. In questo incontro secondo alcuni rappresentanti hanno confermato che Lam e Lo si sono recati per porgere le scuse per l’incidente. I rappresentanti dunque hanno confermato che le scuse sono state accettate e hanno ringraziato i fedeli che sono accorsi a ripulire la moschea dal liquido blu. Il tempio di Kowloon è il principale luogo di culto per circa trecentomila musulmani che vivono a Hong Kong. Un rappresentante della moschea, Zoheir Tyebkhan, citato dal South China Morning Post, ha confermato che i fedeli musulmani di Hong Kong non intendono essere coinvolti nelle proteste anti-governative in corso da oltre quattro mesi nell’ex colonia britannica, e ha invitato la comunità musulmana nella città a mantenere la calma.

Immagine correlata

FONTE: www.affaritaliani.it

 

Tags from the story
, ,
Written By
More from Redazione

Sovraindebitati italiani in maggiore aumento: l’Associazione AIACE difende i diritti dei consumatori

Il sovraindebitamento rappresenta per gli italiani un argomento ostico e di cui...
Read More