Ghepardo rischio d’estinzione? Ecco il motivo!!!

Da qui a due anni, il ghepardo man mano potrebbe essere completamente estinto. A dichiararlo è il Cheetah Conservation Fund (Ccf), ovvero l’ente conservazione della specie. Qual è La causa? Purtroppo  tre quarti dei cuccioli vengono contrabbandati illegalmente dalla Somalia, per arrivare poi nelle case dei ricchi arabi come animali domestici. Più o meno quindi trecento felini ogni anno sono strappati via dal loro habitat. Ad oggi, sono rimasti soltanto 7.500 esemplari.

“La maggior parte delle persone che acquistano illegalmente un ghepardo spesso non sa come nutrirlo e questo muore entro un paio d’anni”, denuncia un esperto alla Cnn.

‘’Ha bisogno di una dieta speciale e di tanto spazio a disposizione per correre. La prigionia per loro è un vicolo cieco”. –ha aggiunto.

Risultati immagini per ghepardo

A causa della malnutrizione, il mammifero rischia di ammalarsi di disturbi metabolici o di obesità. La dottoressa Laurie Marker da anni tenta di salvare questi animali, togliendoli dalle mani dei trafficanti e portandoli in una riserva in Somalia: “La metà dei felini che riusciamo a salvare muore comunque entro poche settimane. Questi animali vengono strappati alle madri quando hanno dieci settimane di vita e per questo non sviluppano l’istinto necessario per vivere in natura”.

Uno studio del Ccf ha dichiarato che da 2012 ad oggi sono stati venduti ben 1.500 esemplari. Secondo quanto ‘indagato’ il prezzo di un singolo esemplare si aggira intorno ai 10mila dollari. La compravendita di questi animali è vietata dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie a rischio di estinzione (Cites), tuttavia è stato stimato che il traffico di specie selvatiche abbia un valore che si aggira intorno ai 20 miliardi di dollari secondo le Nazioni Unite e l’Interpol.

FONTE: www.tgcom24.mediaset.it

Tags from the story
, , ,
Written By
More from Redazione

STEFANO RICUCCI E IL GIUDICE NICOLA RUSSO ARRESTATI PER CORRUZIONE

ROMA – Arrestati l’imprenditore Stefano Ricucci e il magistrato Nicola Russo,giudice della Commissione tributaria del Lazio...
Read More