Open arms rifiuta Algeciras. La Spagna offre porto Minorca, Salvini:”Non decidono loro dove sbarcare”

Dopo la decisione della nave Open Arms di dirigersi ad Algeciras, offerta come approdo dal governo spagnolo, Madrid ha proposto alla nave della Ong, che ha a bordo 107 migranti “il porto più vicino”, ovvero Mahon, sull’isola di Minorca (Baleari). Lo scrive El Pais precisando che il comandante della nave, Marc Reig, non ha ancora risposto. Mahon si trova a quasi 1.000 km da Lampedusa, molto più vicino rispetto al primo porto iberico offerto ma giudicato da Open Arms troppo lontano per la situazione a bordo, con i migranti allo stremo che non ce la farebbero a sostenere un viaggio così lungo.Risultati immagini per open arms spagna

Domenica mattina cinque naufraghi, con addosso i giubbotti-salvagente, si sono gettati in mare cercando di raggiungere la riva, distante appena 150 metri, ma sono stati ripresi dai volontari della ong che si sono tuffati per recuperarli. Un gesto estremo. “Non riusciamo più a contenere la disperazione. Non riusciamo più a spiegare. Le parole mancano. Siete dei vigliacchi”, attacca Open Arms.

La nave della ong però finisce nuovamente nel mirino del ministro dell’Interno Matteo Salvini, quando la Ong fa sapere di non potere accettare il porto sicuro offerto dal governo spagnolo. Troppe, per Open Arms, le 965 miglia che separano Lampedusa da Algeciras, il porto della regione dell’Andalusia, di fronte al Marocco, indicato dal premier Sanchez. “Non abbiamo rifiutato l’offerta della Spagna, solo fatto presente che dopo 26 giorni di missione, 17 giorni in mare con 107 persone stremate e la situazione di emergenza a bordo non siamo in grado di affrontare altri 5 giorni di mare”, afferma il fondatore della Ong, Oscar Camps. “Non possiamo mettere a rischio la sicurezza di tutte queste persone, devono essere sbarcati subito perché siamo in una situazione di emergenza umanitaria”, aggiunge Laura Lanuza, direttore della comunicazione di Open Arms, che ha inviato “una richiesta urgente per poter entrare nel porto di Lampedusa”. Una scelta che fa infuriare Salvini. “Incredibile e inaccettabile, organizzano crociere turistiche e decidono loro dove sbarcare??? Io non mollo, l’Italia non è più il campo profughi d’Europa”, attacca il ministro. E il suo collega dei Trasporti Toninelli mette “a disposizione la Guardia Costiera, pronta ad accompagnare l’ong verso il porto spagnolo per far sbarcare lì tutti i migranti”.

Riguardo all’ispezione fatta sabato a bordo della Open Arms, fonti sanitarie vicine agli inquirenti parlano di “condizioni abbastanza accettabili” e di un “quadro meno drammatico” di quanto veniva ipotizzato, anche se, sottolineano, la situazione a bordo è molto critica. Gli ispettori sanitari oltre a verificare le condizioni sulla nave hanno visitato alcuni dei migranti: si tratta di due medici della sanità marittima giunti a Lampedusa con un elicottero militare. Stamattina, intanto, i 19 minorenni sbarcati sabato sera dalla Open Arms lasceranno l’hotspot e verranno trasferiti con il traghetto di linea a Porto Empedocle (Agrigento) dove giungeranno in serata. Dal porto verranno poi accompagnati, come sempre avviene per i minorenni, in una struttura protetta. Resteranno invece nell’hotspot gli altri 8 giovani che, una volta sbarcati dalla nave della ong spagnola, si sono dichiarati maggiorenni. Nel centro ci sono al momento 102 i migranti: oltre ai 27 scesi ieri da Open Arms, ci sono i 57 migranti intercettati sabato sera a bordo di un barchino dalla guardia di finanza, 14 sbarcati sempre dalla Open Arms per motivi di salute quattro giorni fa e quattro nordafricani bloccati dalla guardia costiera due giorni fa mentre cercavano di raggiungere l’isola. Se la situazione si dovesse sbloccare, la Francia si è detta disponibile ad accogliere 40 migranti dei 107 migranti a bordo di Open Arms.

Written By
More from Redazione

Svizzera, 10 scialpinisti morti, anche guida italiana

Tragedia sulle Alpi tra Italia, Francia e Svizzera. Il bilancio tra il...
Read More