Libia, il governo Sarraj valuta il rilascio di tutti i migranti dai centri di detenzione

l governo libico del premier Fayez Al Sarraj sta valutando l’ipotesi di rilasciare “tutti i migranti nei centri di detenzione” dopo il massacro di Tagiura “perché la loro sicurezza non può più essere garantita”. E’ quanto ha dichiarato il ministro dell’Interno Fathi Bashagha, come riferisce The Libya Observer.

L’eventuale chiusura dei centri di detenzione dovrebbe riguardare 6-7.000 persone, di cui 3.000 a Tripoli. E’ quanto emerge da fonti informate e da una recente stima fornita dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni.

E il sedicente esercito nazionale libico, di cui Khalifa Haftar è comandante generale, “è pronto a cooperare” per una “uscita immediata” dei migranti dai centri di detenzione. Lo afferma un post pubblicato sulla pagina Facebook del portavoce del comando generale dello stesso Lna, Ahmed Al Mismari, rinnovando l’accusa che le forze governative userebbero i migranti come “scudi umani”.

Risultati immagini per libia

Intanto il ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale Enzo Moavero ha avuto una riunione con il vicepremier libico Ahmed Maitig per un aggiornamento sugli ultimi sviluppi dopo il gravissimo tragico bombardamento del centro migranti di Tagiura che ha causato morte e gravi ferite a moltissime persone inermi.

Il ministro Moavero ha confermato il convinto sostegno italiano all’azione dell’Onu in Libia al fine di conseguire, il prima possibile, una cessazione delle ostilità e fermare il loro continuo aggravarsi. Inoltre, Moavero ha ribadito la richiesta italiana di un’accurata inchiesta Onu su quanto è successo a Tagiura e ha ricordato di aver formalmente proposto all’Unione europea di adottare una posizione unitaria e ufficiale al riguardo.

Written By
More from Redazione

Commissione europea, Von der Leyen: ‘In mare c’è obbligo di salvare le vite’

Lunedì di passione a Strasburgo per Ursula von der Leyen. Nel suo ultimo...
Read More