Caso Ragusa: Alessia e Daniele Logli in attesa della verità sulla scomparsa della mamma a difesa di Antonio Logli

“Non posso vivere pensando che la mamma sia morta. Porto con me un dolore atroce ma sono certa che la nostra sofferenza sarà ripagata nel momento in cui scopriremo la verità.”

|Alessia Logli, intervistata in esclusiva nella trasmissione “Quarto Grado”Risultati immagini per alessia logli quarto grado

Dolcissima e di una sensibilità estrema, Alessia Logli, figlia di Antonio Logli e Roberta Ragusa, protagonista assoluta insieme con il fratello Daniele, della puntata di “Quarto Grado” in onda lo scorso venerdì in prima serata su Rete 4. La tensione in studio è tangibile ed anche l’emozione del giornalista Gianluigi Nuzzi, conduttore del programma: la sua professionalità gli ha consentito di realizzare un’intervista precisa e lineare nonostante il dramma vissuto da due giovanissimi ragazzi, all’epoca bambini, quando videro per l’ultima volta la mamma, la sera del 12 giugno 2012, poco prima di andare a dormire.

Quella sera, apparentemente una delle tante, stravolgerà la vita di tutta la famiglia: Roberta era ancora in cucina intenta a compilare la lista della spesa per il giorno seguente quando, all’improvviso, lascia carta e penna sul tavolo e senza aver cura di nulla, sparisce dalla casa e dalla città. Da quella sera di Roberta non si hanno più avuto notizie.

Moglie e mamma amorevole, attenta alle esigenze della famiglia, Roberta, stando a dichiarazioni e testimonianze di chi ben la conosceva , non sarebbe stata capace di abbandonare tutto e scappare via, dai sentimenti e dalle responsabilità della vita coniugale eppure, a quanto pare, è andata così: ad oggi non ci sono prove concrete ma solo indizi e ricostruzioni approssimative che possano fornire un quadro logico di cosa possa essere accaduto quella sera.

Dettagli ed episodi significativi di quel periodo sono stati riportati nei tribunali e nei salotti televisivi contribuendo a fomentare l’opinione pubblica sempre più convinta che autore colpevole della scomparsa di Roberta sia il marito Antonio Logli: una figura complessa, a tratti enigmatica, impenetrabile. Dallo sguardo freddo e fisso in quelle poche occasioni che si è concesso alla stampa, Antonio si è proclamato da sempre innocente ed estraneo alla scomparsa di Roberta.

“Non avrei mai potuto compiere un misfatto del genere, Roberta era mia moglie e ne ero innamorato. E’ sparita,è stata una sua decisione probabilmente dovremmo farcene tutti una ragione.” Antonio va dritto come un treno in corsa, rassegnato alla decisione della sua volontaria scomparsa. Non se ne conoscono i motivi , nemmeno lui ne è a conoscenza, però bisogna rispettare la decisione di una mamma che probabilmente stanca, appesantita dalla routine, decide di dare un taglio alla sua vecchia vita e sparire , inghiottita dal nulla, senza lasciare tracce, come se mai fosse esistita.

La figlia Alessia, dall’alto della sua giovane età , conserva non molti ricordi della mamma Roberta, una donna bella e piena di vita: “Avevo 12 anni quando la mamma scompare dalle nostre vite. Ricordo quella sera, indossava un pigiama rosa. Accompagnò me e mio fratello a dormire ed il suo ultimo bacio l’ho stampato nel cuore. Sono certa che scopriremo la verità come sono certa dell’innocenza del mio papà: insieme con Sara,la sua attuale compagna, ci sono stati vicino e ci hanno aiutato molto a crescere dovendo convivere con questo dolore infinito. La mamma è viva, non posso vivere dovendo pensare che sia morta.”

a cura di Maria Parente

Written By
More from Redazione

Aria di svolta: Novellino è il nuovo tecnico del Catania

Walter Novellino è il nuovo allenatore del Catania. La società rossazzurra ha...
Read More