Meteo: ultime ore di caldo moderato. Poi arriva l’afa bollente

L’anticiclone africano che è ben posizionato su tutto il bacino Mediterraneo e dell’Europa meridionale sta favorendo condizioni di stabilità e bel tempo in prevalenza anche sull’Italia. Tuttavia, come accade ormai da tempo, dobbiamo attenderci improvvisi acquazzoni pomeridiani, veri e propri temporali di calore concentrati sulle zone montuose, ma anche sulla Pianura Padana.

Le temperature si manterranno sui valori estivi, anche di qualche grado sopra le medie, ma senza eccessi. Ma tra venerdì e sabato bisognerà fare i conti con un temporaneo indebolimento dell’alta pressione a causa del passaggio di un po’ di bassa pressione sul Nord Italia, sufficiente a innescare temporali al Nord e su parte del Centro.

Piogge attese su Pianura Padana, Emilia, Toscana e sull’Appennino fino all’Umbria e alle Marche. Prevalenza di bel tempo, invece, sul resto d’Italia.Immagine correlata

Già da domenica il tempo migliorerà sull’Italia Centro-settentrionale, ma qualche rovescio sarà ancora possibile su Alpi e Prealpi orientali e sull’Appenino.

Dalla settimana prossima, invece, scoppia veramente il caldo terribile causato dall’alta pressione in salita dal Nord Africa, fatto che provocherà un innalzamento delle temperature su tutta Italia. La situazione sarà sempre più intensa giorno dopo giorno fino alla fine del mese per via di una bolla di aria molto calda in risalita dal Sahara algerino.

Le regioni italiane più direttamente coinvolte risulteranno quindi la Sardegna e le regioni del Centro-Nord, specie del versante tirrenico. Ma di quali temperature stiamo parlando? Nella prima parte della settimana i valori termici potrebbero raggiungere anche punte di 35-37°C sulla Pianura Padana occidentale e sull’Emilia Romagna; un po’ meno sulle regioni centrali tirreniche, con massime di 34/37°C. Per le città sarà anche peggio perché al caldo si aggiungerà anche l’afa, anch’essa in aumento col passare dei giorni.

Written By
More from Redazione

Prof. Alessandro Filla: “L’atassia non è mortale ma fortemente invalidante. Con l’AISA importanti passi avanti nel 2019”

Il Professore Alessandro Filla(Direttore del dipartimento di Scienze Neurologiche e Presidente Commissione...
Read More