Il datore di lavoro può licenziare liberamente ?

Il datore di lavoro può licenziare liberamente ?

|Risponde il prof.Giuseppe CatapanoImmagine correlata

consulentedistrada@gmail.com

È principio più volte affermato quello secondo cui, per la validità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è sufficiente che le addotte ragioni inerenti all’attività produttiva ed all’organizzazione del lavoro, comprese quelle dirette ad una migliore efficienza gestionale ovvero ad un incremento della redditività, determinino un effettivo mutamento dell’assetto organizzativo attraverso la soppressione di un’individuata posizione lavorativa.

Nella nozione di giustificato motivo oggettivo di licenziamento è riconducibile anche l’ipotesi del riassetto organizzativo dell’azienda attuato al fine di una più economica gestione di essa e deciso dall’imprenditore non semplicemente per un incremento del profitto, ma per far fronte a sfavorevoli situazioni, non meramente momentanee e contingenti, influenti in modo decisivo sulla normale attività produttiva, imponendo un’effettiva necessità di riduzione dei costi. Tale motivo oggettivo è rimesso alla valutazione del datore di lavoro, senza che il giudice possa sindacare la scelta dei criteri di gestione dell’impresa, atteso che tale scelta è espressione della libertà di iniziativa economica tutelata dalla Costituzione. Al giudice spetta il controllo della reale sussistenza del motivo addotto dall’imprenditore. Ove, però, il giudice accerti in concreto l’inesistenza della ragione organizzativa o produttiva, il licenziamento risulterà ingiustificato per la mancanza di veridicità o la pretestuosità della causale addotta.

Written By
More from Redazione

OMIDICIO AVETRANA: SABRINA MISSERI IN UN’INTERVISTA-CONFESSIONE PER IL PROGRAMMA “STORIE MALEDETTE” CON FRANCA LEOSINI

Il viso sereno ed il tono della sua voce rilassato,accennando sorrisi e dispensando lacrime al...
Read More