Salone del Libro, smantellato lo stand di Altaforte: “E’ un attacco a Salvini”

È stato completamente smantellato al Salone del Libro lo stand di Altaforte, la casa editrice vicina a Casa Pound al centro delle polemiche, esclusa dalla kermesse. Vicino allo stand del ministero della Difesa è rimasta la sagoma dello stand.Immagine correlata

“Le mie dichiarazioni sono state usate come scusa, sono stato denunciato per un reato di opinione. Sono disponibile a chiarire la mia posizione con la Procura, ma ritengo che la pietra dello scandalo sia il libro ‘Io Matteo Salvini’. E’ un attacco al ministro dell’Interno, che comunque non voglio tirare per il bavero”, commenta Francesco Polacchi, editore di Altaforte. “Una revoca inaccettabile – aggiunge – andremo per via legali”.

Martedì Regione Piemonte e Comune di Torino avevano presentato un esposto contro Polacchi e la procura ha aperto una inchiesta per apologia di fascismo. Una “scelta di campo”: Città di Torino e Regione Piemonte definiscono così la decisione di tenere fuori Altaforte dal Solone del Libro per “tutelare la sua immagine, la sua impronta democratica e il sereno svolgimento della manifestazione”. Dopo giorni di polemiche, divisioni e defezioni, sale dunque la tensione alla vigilia dell’inaugurazione della buchmesse. “E’ una richiesta assurda. Faremo causa e la vinceremo”, afferma Francesco Polacchi, che la Procura di Torino ha indagato per apologia del fascismo.

fonte ANSA

 

Written By
More from Redazione

GIUDICATE VOI:”DIRITTI DEL MALATO: QUALI LE AGEVOLAZIONI PER GIOVANI E ANZIANI?”

“Diritti del malato: quali le agevolazioni per giovani e anziani?” Questo l’argomento affrontato...
Read More