Juncker a Conte: “L’Italia deve crescere”

Era considerato un incontro molto atteso dopo l’allarme lanciato dall’Ocse sui rischi di recessione per l’Italia. Il confronto tra il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker e il premier Conte ha avuto al centro proprio le condizioni dell’economia.”Sono leggermente preoccupato per il fatto di vedere che l’economia italiana continua a regredire e auspico che le autorità italiane facciano sforzi supplementari per mantenere in vita la crescita italiana”, ha detto Jean Claude Juncker alla fine dell’incontro a Palazzo Chigi. Poi, quasi ad addolcire la sua critica: “Tra Italia e Commissione Ue è grande amore, bisogna dirlo a tutti i ministri italiani”. Riferimento implicito ai due ministri e vicepremier, Di Maio e Salvini, con cui il presidente della Commissione ha avuto scontri ripetuti nei mesi scorsi.Immagine correlata

Il presidente del Consiglio, con evidente riferimento alla Germania, ha affermato: “Con Juncker abbiamo parlato del rallentamento dell’economia mondiale, che l’intera l’Eurozona si trova ad affrontare; un rallentamento economico dovuto alla guerra dei dazi” che ha portato a una “significativa battuta d’arresto per diversi settori dell’industria manufatturiera. Per reagire a questa fase di rallentamento, occorrerebbe che gli Stati membri che hanno maggiore spazio fiscale lo utilizzino”. Per il premier italiano, subito dopo, un altro confronto difficile sui temi economici: il faccia a faccia con Gurria, segretario generale dell’Ocse, che ieri ha avuto parole dure sulle misure chiave del governo gialloverde, in particolare per quota 100.

“L’obiettivo di una crescita sostenuta, stabile, duratura richiede investimenti produttivi e redistribuzione: non ci sono scorciatoie. Bisogna agire sulle leve delle infrastrutture, delle politiche industriali e del lavoro, di una fiscalità capace di rilanciare capitale produttivo e consumi dove maggiori sono le potenzialità di crescita. La Cisl chiede un netto cambio di marcia nelle politiche economiche del Governo, con misure e risorse adeguate nel decreto crescita e nello sblocca cantieri. Già troppi i ritardi”, ha ribadito Luigi Sbarra, segretario generale aggiunto della Cisl,. “C’è una questione Lavoro da affrontare con la massima urgenza e al riparo da scontri di maggioranza. Assolutamente inconcepibile l’inerzia con cui si affronta questo tema: si cominci a sbloccare il decreto interministeriale sugli ammortizzatori già finanziati per le 18 aree di crisi complesse. Da mesi si assiste a uno stallo insensato, che lascia a reddito zero oltre 60 mila lavoratori”. Secondo Luigi Sbarra, “bisogna dare gambe solide alla coerenza e aprire a una grammatica partecipata dello sviluppo”.

Written By
More from Redazione

Udine,deferimento per furto aggravato e per inosservanza del decreto di espulsione.

Nella mattinata odierna, i Carabinieri della Stazione di Martignacco (UD), a conclusione...
Read More