Migranti, Malta accoglie il mercantile dirottato

Il mercantile dirottato dai migranti è nel porto a Malta dopo che il controllo della nave è stato restituito al capitano dalle forze armate. Le forze armate maltesi hanno preso il controllo del mercantile dirottato dai migranti, ora in rotta verso il porto maltese con a bordo tutti i passeggeri e l’equipaggio.

Le autorità maltesi, riferisce il Times of Malta, hanno stabilito un contatto con il capitano della nave quando si trovava a circa 30 miglia nautiche di distanza. Il capitano, ha detto l’esercito, ha ripetutamente affermato di non avere il controllo della nave e che lui e il suo equipaggio sono stati costretti e minacciati da un certo numero di migranti a procedere verso Malta. Un gruppo di unità operative speciali, supportato da motovedette e un elicottero, è stato inviato a bordo e ha messo in sicurezza la nave, riconsegnandone il controllo al capitano. La nave, il suo equipaggio e tutti i migranti sono ora scortati a Malta per essere consegnati alla polizia per le indagini.

Ed ora ci sono anche i migranti-pirati. La notizia l’ha lanciata il ministro dell’Interno Matteo Salvini, in conferenza stampa al Viminale: un mercantile, diretto a Tripoli dopo aver soccorso un centinaio di persone su un’imbarcazione in difficoltà, è stato dirottato verso nord dai naufraghi che avrebbero preso il comando della nave. El Hiblu 1 – questo il nome del mercantile – sta navigando in acque maltesi Sar e le forze armate dell’isola sono in stato di allerta. La vicenda – secondo quanto è stato possibile ricostruire – inizia con un intervento di salvataggio coordinato dalla Guardia costiera libica (che nella notte ha soccorso e riportato a terra altri 117 migranti) a beneficio di un’imbarcazione con un centinaio di persone a bordo. Impossibilitato a intervenire con una delle sue motovedette, il Centro di coordinamento libico ha contattato il mercantile El Hiblu 1 – battente bandiere delle isole Palau e partito dalla Turchia – che si trovava in zona.Risultati immagini per migranti

I media maltesi parlano di un ultimo messaggio inviato dal capitano che diceva che la nave era “in mano ai pirati”. E’ accaduto anche in passato che migranti soccorsi in mare si siano opposti al ritorno in Libia, i cui centri di detenzione sono spesso luoghi di abusi e torture, secondo rapporti di agenzie internazionali. Ma sarebbe la prima volta che i migranti riescono a prendere il controllo di una nave, specie di queste dimensioni.

A Malta, intanto, sono state allertate le forze armate, secondo quanto riportano media locali. Un portavoce militare ha definito il mercantile “nave pirata”. Una fonte governativa ha riferito che a bordo ci sono 77 uomini e 31 donne. I governi che si oppongono a questo salvataggio e pretendono che la nave consegni i naufraghi in un porto libico, compiono un reato oltre che un atto disumano. Facciamo appello alle istituzioni europee perché non voltino la testa da un’altra parte e aiutino le persone in fuga dai campi di concentramento libici”.

fonte:ANSA

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Ue, Juncker: “Proporremo lʼabolizione del passaggio da ora solare a ora legale”

Il passaggio da ora solare a ora legale e viceversa potrebbe scomparire nell’Ue: il presidente della Commissione...
Read More