M5S, in manette Marcello De Vito: accuse di corruzione per il nuovo stadio a Roma

Corruzione: questa l’accusa mossa a Marcello De Vito di M5S,  presidente dell’assemblea capitolina, per cui i carabinieri hanno proceduto all’arresto. E’ quanto emerso nell’ambito della inchiesta della Procura sul nuovo stadio della Roma. Immagine correlata

L’esponente grillino avrebbe incassato direttamente o indirettamente delle elargizioni, questa l’ipotesi dei pm Barbara Zuin e Luigia Spinelli, dal costruttore Luca ParnasiDe Vito, in cambio, avrebbe promesso – all’interno dell’amministrazione pentastellata guidata dalla sindaca Virginia Raggi – di favorire il progetto collegato allo stadio della Roma. La misura cautelare emessa dal dip del tribunale di Roma riguarda in tutto 4 persone (per 2 indagati è stata disposta la custodia cautelare in carcere, per gli altri i domiciliari). Una misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriale riguarda invece due imprenditori.

Sono tutt’ora in corso perquisizioni in Campidoglio da parte dei carabinieri nell’ambito dell’operazione che ha portato all’arresto di De Vito. Le perquisizioni stanno interessando anche uffici di Acea, l’Italpol e la Silvano Toti Holding Spa.
La Redazione
Tags from the story
Written By
More from Redazione

Mamma Rai Categorica: esclusione del trapper Sfera Ebbasta da The Voice

Sfera Ebbasta esce da The Voice ancora prima di entrarci. Partenza prevista il 16...
Read More