Corruzione: in manette ex presidente provincia di Taranto MartinoTamburrano

Corruzione e turbata libertà degli incanti: questi i reati contestati dalla Procura di Taranto nell’ambito di una inchiesta  sull’iter amministrativo per la concessione dell’autorizzazione all’ampliamento della discarica di Grottaglie-contrada Torre Caprarica. Questa mattina la Guardia di Finanza ha provveduto all’arresto di sette persone, tra cui l’ex presidente della Provincia di Taranto Martino Tamburrano (Forza Italia)Immagine correlata

Tamburrano, già sindaco di Massafra, avrebbe fatto parte di un gruppo costituito anche da un dirigente della stessa Provincia e da imprenditori che operano nel settore dello smaltimento e della gestione dei rifiuti, che avrebbe tratto vantaggi in denaro e beni attraverso atti corruttivi. Sempre secondo gli inquirenti, tra i vantaggi ci sarebbero stati anche i contributi per finanziare una campagna elettorale per il Senato della moglie dello stesso Tamburrano, Maria Francavilla. Si è accertato che la società proprietaria della discarica di Grottaglie aveva terminato la sua attività di raccolta in quanto il sito era ormai colmo, senza possibilità di poter conferire ulteriori rifiuti. Ad agosto del 2017 la Provincia di Taranto aveva respinto la richiesta di ampliamento.

Sarebbe stato poi accertato che Tamburrano si è prodigato per pilotare anche la gara di appalto per i servizi di raccolta rifiuti del Comune di Sava (Taranto), influendo sul giudizio tecnico di due professionisti corrotti, facenti parte della commissione, permettendo così di far vincere l’appalto all’imprenditore amico attraverso una delle sue imprese.

a cura di Michelangelo De Amicis

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Il boom della Lega:la marcia di Salvini affonda tutti gli altri

Il Governo del cambiamento fa bene al Movimento 5 stelle, e ancor più alla Lega. Lo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *