Le preoccupazioni di Mattarella: ingiustificata la noncuranza sull’ambiente

“Siamo sull’orlo di una crisi climatica globale, per scongiurare la quale occorrono misure concordate a livello globale”. Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella, a Belluno. “E’ il senso – ha aggiunto, parlando alla commemorazione della tempesta in Veneto – della sollecitazione sottoscritta, nell’autunno scorso, da alcuni Capi di Stato europei. Gli sforzi compiuti nelle conferenze internazionali che si sono succedute hanno, sin qui, conseguito risultati significativi ma parziali e ancora insufficienti”

Sui disastri ambientali, “limitarsi a evocare la straordinarietà di fatti che si affacciano prepotentemente, per giustificare noncuranza verso una visione e progetti di più lungo periodo, è un incauto esercizio da sprovveduti” ha avvertito il capo dello Stato osservando che  “è giusto che sia la montagna, grande questione nazionale, assieme a quella di tutte le aree interne, a proporci, ancora una volta, il tema delle risorse naturali di questo nostro Paese, della loro tutela, della garanzia ai cittadini della ‘sicurezza dei territori’ in cui vivono”. “Qui in Veneto – ha aggiunto – abbiamo avuto un positivo esempio di come la attivazione, in via preventiva, della rete di Protezione civile abbia potuto mitigare le conseguenze del disastro sulle persone, sulla base di accurate previsioni meteorologiche”. “Mai come in occasione della tempesta Vaia – ha precisato Mattarella – è stato chiaro all’opinione pubblica italiana, che i mutamenti climatici in atto nel mondo comportano effetti pesanti anche sull’ambiente del nostro Paese e sulle condizioni di vita della nostra popolazione. Sentire parlare della desertificazione di ampie fasce delle terre africane o dei violenti tifoni nei Caraibi, sulla costa occidentale degli Stati Uniti o in Asia, appariva qualcosa di remoto, che non ci riguardava”.Risultati immagini per mattarella ambiente

Per Mattarella quindi “il rilancio di una politica per la montagna e le popolazioni che la abitano vanno non solo nella direzione della effettiva affermazione della eguaglianza tra cittadini della Repubblica, ma rappresenta una sfida per il recupero pieno di aree abbandonate o sottoutilizzate, preziose per il processo di crescita dell’intero nostro Paese. E’ una consapevolezza che trova diffusione anche a livello continentale, confermata dalla collaborazione nell’ambito di ‘Euregio senza confini’ della Regione Veneto, di quella del Friuli Venezia Giulia, con il Land della Carinzia. Quest’anno, inoltre, sarà esercitata dalla Lombardia la presidenza di Eusalp che costituisce, sin qui, l’ambito più ampio di cooperazione tra Regioni, Stati e Unione Europea in materia di montagna”.(fonte ANSA)

a cura di Carmine Cilvini

 

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Il Menotti Art festival Spoleto riparte dalla Camera dei Deputati e dalla Biennale di Venezia.

Altro giro,  altra tappa e d altri importanti successi per il Menotti...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *