Omicidio Rozzano: 63enne accusato di abusi su nipotina

Antonio Crisanti, il 63enne ucciso ieri pomeriggio a Rozzano (Milano), era indagato dalla Procura di Milano per presunti abusi sessuali su una nipote di pochi anni. L’uomo che gli avrebbe sparato e che si è costituito ai carabinieri assieme a un complice, era il padre della piccola ed ex marito della figlia della vittima, madre della bambina. In Procura era stata sentita di recente anche la piccola sui presunti abusi. Sul caso indagano il pm Monia Di Marco e l’aggiunto Letizia Mannella.Risultati immagini per abusi su minore

Da quanto è stato riferito, il padre della piccola – la quale avrebbe 5 anni – dopo aver saputo che l’ex suocero era accusato di presunti abusi su sua figlia e che la bambina era stata anche sentita in un’audizione protetta in Procura a Milano, avrebbe deciso di uccidere il 63enne, padre della sua ex moglie. Il fascicolo sull’omicidio di ieri a Rozzano, infatti, dopo un passaggio sul tavolo del pm di turno Silvia Bonardi, è stato subito assegnato al pm Monia Di Marco, anche titolare dell’inchiesta sui presunti abusi sessuali, coordinata anche dall’aggiunto Letizia Mannella, capo del pool ‘reati sessuali’.

fonte: ansa.it

a cura di Alessandra D’Agostino

 

Tags from the story
, ,
Written By
More from Redazione

Loredana Lecciso: «Tra me e Al Bano 18 anni di amore. Romina? Lede la sua figura»

Loredana Lecciso è ospite da Barbra D’Urso per raccontare del suo rapporto...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *