L’anno 2018 da flop per gli smartphone, buone le premesse per il nuovo anno

il 2019 sarà l’anno in cui il mercato degli smartphone tornerà a crescere? La domanda è legittima ma la risposta dipende in gran parte dal successo e dalla rapidità di adozione di una tecnologia che ad oggi ancora non esiste, il 5G. In vista del cui lancio, peraltro, quasi tutte le case produttrici sono tornate a proporre novità tecnologiche significative dopo anni di “ritocchi” e smartphone a tavoletta tutti uguali.

Questo lo scenario con cui si aprirà lunedì il Mobile World Congress, anche se va precisato che nei negozi dovremo ancora attendere da qui all’anno prossimo prima di vedere la piena diffusione di telefonini pieghevoli o di nuove applicazioni con cui il 5G collegherà letteralmente miliardi di “oggetti” ad internet, non solo in modo più veloce del 4G, ma anche con ampia copertura, a basso costo e con bassi consumi di energia, anche in presenza di collegamenti molto sporadici.

Nel 2018 l’industria degli smartphone, pur abituata a una certa variabilità da un trimestre all’altro, ha infatti registrato il primo calo su base annua della sua storia, chiudendo a -5% anziché in crescita rispetto al 2017 a testimonianza di un mercato ormai saturo in cui i possessori di almeno una carta Sim ha ormai superato il muro dei 5 miliardi ed è visto salire sopra i 6 miliardi entro il 2025, con tassi di penetrazione del 79% in tutti cinque principali paesi europei (Germania, Regno Unito, Italia, Spagna, Francia) rispetto al 66% medio mondiale.

Un mercato che ha bisogno di una rottura degli schemi che non può che passare da un’innovazione spinta anche sul fronte dell’intelligenza artificiale (per quanto per ora applicata solo al riconoscimento automatico degli oggetti quando si scatta una foto) ed in effetti tale appare essere il primo esemplare in assoluto di smartphone pieghevole, il Galaxy Ford di Samsung (che come Apple ha dovuto emettere un “profit warning” tagliando le proprie stime sui risultati dell’anno), dovrebbe uscire a maggio con schermi tra i 4,5 e i 7,3 pollici ad un prezzo attorno ai 2 mila euro.

Ad un prezzo simile non sono previste vendite in quantità significative come quelle che potrebbero invece toccare al nuovo modello di smartphone che Google dovrebbe rilasciare entro l’anno e che promette di essere decisamente più economico dei modelli attualmente in vendita. Tornando alle reti 5G, che si distingueranno per la capacità di trasmettere dati praticamente senza lag, esse consentiranno a vari dispositivi di diventare gateway per la raccolta dei dati.

Circa il 70% degli utenti li utilizza più di due ore al giorno, secondo le analisi di Mobile Marketing Data Labo e sempre più spesso lo smartphone è un oggetto in grado anche di fornire dati su pagamento elettronici e geolocalizzazione dell’utente. Così tanti dati fanno naturalmente sorgere non pochi problemi e dubbi riguardo la sicurezza nella loro gestione: la cinese Huawei, dopo 20 miliardi di dollari di investimenti, è diventata il leader mondiale del 5G scavalcando Apple come secondo produttore mondiale di smartphone dopo Samsung.

Una richiesta che secondo la Gsma (l’associazione degli operatori mobili globali) è sbagliata e causerebbe un grave danno per le aziende di telecomunicazioni europee, perché la mossa americana peserebbe sulla catena di rifornimento globale dei componenti, alzando i costi e mettendo a rischio gli investimenti fatti per il 5G. Semmai, propone Gsma, occorre invece istituire nuovi sistemi di test per le reti che garantiscano l’adesione ai più alti standard di cybersecurity. Non è convinto di questa “soluzione” il Ceo di Ericsson, Börje Ekholm: “Il problema non è la mancanza di frequenze – ha spiegato senza giri di parole – ma le poche aste, i costi e le normative che bloccano il progresso”.
Risultati immagini per smartphone

fonte: affaritaliani.it

a cura di Vincenzo Catapano

Written By
More from Redazione

Legionella:come si diffonde e come combatterla

      L’allarme Legionella preoccupa l’Italia. Si teme, infatti, un’epidemia diffusa alle porte di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *