Mamma Rai Categorica: esclusione del trapper Sfera Ebbasta da The Voice

Sfera Ebbasta esce da The Voice ancora prima di entrarci. Partenza prevista il 16 aprile, conduce Simona Ventura, con lui a giudicare anche Elettra Lamborghini, Gué Pequeno e Morgan. Sembrava tutto fatto, quasi pronti per le firme, ma poi è intervenuto l’amministratore delegato della Rai Fabrizio Salini a stoppare la scelta. La decisione ha le sue radici nella vicenda non ancora chiarita della tragedia nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo: era lo scorso dicembre quando sei persone sono morte schiacciate dalla calca mentre tentavano di fuggire dal locale dopo che qualcuno aveva scatenato il panico con uno spray urticante.Immagine correlata

Troppo recente la tragedia, non ancora chiarite le responsabilità, sempre vive le polemiche dei parenti delle vittime che hanno rivolto critiche durissime nei confronti del trapper. Una madre lo aveva attaccato anche di recente, accusandolo di avere «6 morti sulla coscienza» e di preoccuparsi più di postare foto da «idiota col pacco in bella mostra» piuttosto che mostrare reale cordoglio e dispiacere per l’accaduto. Dopo la tragedia, dopo un unico post in cui si definiva «affranto», Sfera aveva ripreso troppo presto a postare foto con supercar accompagnate da commenti («devo andare più veloce di chi mi odia»), giudicati inopportuni da chi soffre.Sarebbe soprattutto questa la controindicazione individuata dall’amministratore delegato Salini, piuttosto che i testi delle canzoni di Sfera Ebbasta che fanno storcere il naso a molti quando trappa frasi come «quanto sei porca dopo una vodka» o «sono una mer… ragiono col ca…/ oggi ti prendo, domani ti lascio». Testi non lontani da quelli di Gué Pequeno, che preferisce la droga e si rivolge a un pubblico più adulto. Il fatto — spiegano i corridoi di viale Mazzini — è che il Servizio Pubblico in una vicenda ancora aperta non poteva alimentare polemiche che avrebbero, tra l’altro, oscurato il programma.

a cura di Alessandra D’Agostino

Tags from the story
, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *