Nel corpo umano almeno 9 parti inutili, i ‘rifiuti dell’evoluzione’

La più famosa rimane l’appendice, ma sono molte di più le parti del corpo che ‘non servono più’. A metterne in fila nove in una serie di tweet, poi ripresi da diversi siti statunitensi, è stata Dorsa Amir, una antropologa evoluzionista del Boston College. Questi ed altri “rifiuti dell’evoluzione”, spiega l’esperta, sono chiamati “strutture vestigiali”, e di solito sono riconducibili a funzioni non più necessarie. È il caso del muscolo palmare lungo, che appare sul polso se si chiude la mano. “Serviva per muoversi più agevolmente sugli alberi – scrive Amir – ma ora il 14% della popolazione non ce l’ha neanche più”.Risultati immagini per rifiuti dell'evoluzione
Lo stesso discorso vale per il tubercolo di Darwin, un ispessimento della pelle dell’orecchio che serviva a muoverlo per capire la provenienza dei suoni prima che l’uomo sviluppasse il collo ‘superflessibile’. Durante lo sviluppo embrionale, continua la biologa, spunta anche una coda, che poi scompare tranne in rarissimi casi, di cui il coccige è l’ultimo ‘rimasuglio’. Risale al passato anche la plica semilunare, un lembo di pelle all’interno dell’occhio che serviva da palpebra ‘orizzontale’. Anche la pelle d’oca è un ricordo della capacità, che hanno ancora diversi animali, di drizzare il pelo per sembrare più grandi, mentre il riflesso che hanno i neonati di afferrare qualunque cosa serviva ad essere trasportati dai genitori. A queste si aggiungono le tre vestigia più ‘famose’: l’appendice, i denti del giudizio e i capezzoli maschili.(ANSA).

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Le cifre della Seta: ventinove accordi stipulati per un totale di 2,5 miliardi

Sabato 23 marzo a Villa Madama è stato firmato il Memorandum d’Intesa tra...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *