Avv. Caterina Areniello(Presidente Ass. “Sanità e diritti”):”Il Belpaese “patria” della malasanità, per fortuna c’è chi tutela i diritti dei malcapitati”

Sono sempre di più i casi di malasanità in Italia registrando un pessimo primato . L’associazione “Sanità e diritti” viene costituita alla scopo di tutelare i diritti delle vittime di malasanità purtroppo in costante aumento. Intervistata per il quotidiano “La Notte” l’Avv. Caterina Areniello, Presidente dell’associazione.

“Sanità e diritti”: come nasce l’associazione? Si sente parlare sempre più spesso di errore medico e di malasanità. Il 5,2% dei ricoverati negli ospedali italiani subisce un “evento avverso” (un errore che provoca danni alla salute);  il 9,2% di questi errori conduce al decesso del paziente.  Dunque, i morti per malasanità sono 45.000 mila l’anno, contro i 4.500 per incidenti stradali e i  1.000 morti sul lavoro.   Sul  piano internazionale, risulta che il 30 o il 40 per cento degli interventi sanitari sono comunque inutili, ed effettuati per incapacità dei medici o per interesse economico. Il primo requisito di un organismo di sanità che sia pubblico o privato dovrebbe essere, quello di non fare del male ai propri pazienti, purtroppo nella realtà, molto spesso, ciò non accade e manca proprio quel requisito fondamentale. Tanti e troppi gli errori medici spesso coperti da una casta difficile da smantellare. Il desiderio di aiutare e tutelare i cittadini, trattati dagli operatori sanitari come pupazzi ricoperti da pelle ed ossa, ha fomentato dentro di me, sempre di più, la voglia di creare un organismo di tutela. È così che nasce l’associazione Sanità & Diritti.”

Quale è la mission che caratterizza l’associazione? “L’ associazione Sanità & Diritti, di cui sono il presidente, è un’associazione senza scopo di lucro, che tutela i diritti dei pazienti e dei loro familiari vittime di vicende di malasanità supportandoli nelle giuste azioni da compiere.”

Quali sono le attività svolte dall’associazione? “Promuove percorsi di reinserimento sociale e di tutela legale per persone vittime di malasanità. Assicura il sostegno necessario nelle vicende di malasanità tramite l’attività di consulenza ed assistenza legale, sia giudiziale che stragiudiziale. Accompagnando con umanità e professionalità verso il risultato finale. Altresì, al fine di sensibilizzare le istituzioni e la cittadinanza sui temi dell’esclusione sociale e della tutela dei diritti, l’associazione “Sanità & Diritti”, organizza laboratori nelle scuole di Napoli e provincia, nonché corsi di formazione/sensibilizzazione rivolti alla cittadinanza, agli avvocati, agli assistenti sociali e agli operatori.  Gli utenti vengono informati circa l’offerta di linee preventive, prevalutazione gratuita, caso per caso, con l’assistenza di medici specializzati in medicina legale, avvocati,  professori universitari. Il centro motore dell’intero progetto è ovviamente il cittadino/utente per la tutela dei diritti dei pazienti danneggiati e dei loro familiari.”

In quali casi è opportuno rivolgersi all’Associazione? In tutti i casi in cui la persona/cittadino si sente vittima di malasanità od errore medico.

Quando viene a configurarsi l’errore medico? Il discorso è al quanto complesso ed oggetto di giurisprudenza. La medicina, non può essere considerata una scienza infallibile, è fatta di successi, ma anche di possibili esiti negativi e non sempre dietro una complicazione c’è la responsabilità di qualcuno. Ma quando l’errore c’è e si accerta il suo collegamento con il danno alla salute, allora sì che è necessario il giusto risarcimento. A titolo semplificativo e non esaustivo, si ha responsabilità medica quando alla condotta colposa o dolosa del medico consegue un danno per il paziente. Tolti i rari casi di dolo (ossia di danno causato intenzionalmente), la più frequente ipotesi di responsabilità medica è quella che consegue ad un errore. L’errore medico consiste nella somministrazione di una terapia sbagliata (anche causata eventualmente da una diagnosi non corretta) che comporta un peggioramento delle condizioni di salute del paziente. L’errore legittima il paziente a richiedere il risarcimento del danno e comporta per il medico anche il rischio di una sanzione penale.”

Con riferimento alle ipotesi di malasanità, è sempre garantito un risarcimento?  “La legge Gelli riafferma il ruolo delle linee guida come termine di confronto per stabilire la responsabilità medica, il quale, com’è noto, era già stato inserito con la legge n. 189 del 2012 (Legge Balduzzi). Se vi è responsabilità medica il risarcimento è sempre garantito.”

Mi parli del “Progetto risarcimento sicuro”: come è strutturato? L’associazione “Sanità & Diritti” ha riunito professionisti in ambito medico e giuridico all’interno di un contesto più intimo e familiare proprio per analizzare ogni vicenda con la cura e la professionalità che richiede, ma anche con l’umanità e il coinvolgimento necessari quando si toccano da vicino storie di malasanità.

Crediamo fermamente che gli assistiti debbano ricevere professionalità e comprensione;  noi ci affidiamo al dialogo e all’ascolto, perché siamo convinti che un’ottima assistenza passi anche dalla capacità di stabilire una relazione trasparente, competente, tra persone che si guardano negli occhi, e tra professionisti corretti. Proponiamo una libera convenzione con gli avvocati, senza costi, al  fine di fornire un servizio professionale di elaborazione analisi peritale con  strategia difensiva, per la tutela dei diritti dei pazienti danneggiati e dei loro familiari:

–          per  richiedere il risarcimento da mala sanità;

–          per richiedere il riconoscimento di un’invalidità;

–          per far valere i propri diritti per il riconoscimento di un’assistenza obbligatoria negata  ;

–          per richiedere il risarcimento per un errore medico;

–          per richiedere un risarcimento da un danno fisico subito;

Le perizie elaborate prevedono il ricalcolo  del danno fisico, morale ed economico, l’esame della documentazione contrattuale, l’evidenziazione delle aree di rischio e il riscontro delle presumibile somme da recuperare, associate ad una ricerca specifica Giurisprudenziale in continua affermazione. Tale servizio, consente al professionista convenzionato di acquistare per conto del cliente l’elaborato peritale e la strategia difensiva, alle condizioni speciali. Nel caso di sentenza sfavorevole, non percepiremo alcun compenso. Le nostre consulenze preliminari sono del tutto gratuite e volontarie con lo spirito di associazione on-lus in collaborazione con un’ equipe medica composta da: medici legali,  anestesisti,  ortopedici,  cardiologi, cardiochirurghi,  oncologi,  patologi, oculisti, otorinolaringoiatra,  urologi,  ginecologi,  ecografisti – radiologi,  chirurghi,  dermatologi,  odontoiatri, chirurghi vascolari,  pneumologi, psicologi. Inoltre, per le consulenze giurisprudenziali, siamo supportati da magistrati, professori universitari, da avvocati. Convenzioniamo professionisti su tutto il territorio nazionale per inserire nell’organico, per la gestione della clientela già acquisita e che tutti i giorni viene acquisita dalla rete nazionale.”

Dove vi trovate e come contattarvi?Ci troviamo in Ottaviano (NA) alla Via Sarno n. 133. E’ possibile visitare il sito: www.sanitaediritti.it dove vi sono tutti i contatti ed i riferimenti e dove è anche possibile compilare un Form ed essere poi da noi contattati.”

a cura di Maria Parente

Written By
More from Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *