Ultrà Daniele Belardinelli morto, parla la madre: “Basta, adesso lasciate in pace Daniele”

Risultati immagini per daniele belardinelli

Ha deciso di fare sentire, forte, la sua voce, nonostante il dolore indescrivibile di soli pochissimi giorni fa: “Mio figlio è da un giorno che è morto e nessuno può avere l’idea di cosa posso provare. E non lo descrivo neanche perché è indescrivibile. Per chi non lo sa io sono la mamma di Daniele Belardinelli…”. Inizia così il lungo e commosso post su facebook di Viviana Prestier, la mamma del tifoso morto a Milano prima di Inter-Napoli.

“Sì sono la mamma di quel ragazzo che è morto negli scontri a Milano tra ultras. Leggo che era un delinquente…i telegiornali lo dicono…i social lo dicono. Ma io sono sua madre. Sono quella che l’ha tenuto tra le braccia con amore e visto crescere. Sono quella che lo sgridava per ogni sbaglio ma anche quella che ha avuto i suoi abbracci e i suoi buongiorno al cellulare“, scrive la mamma del tifoso.

“Daniele -sottolinea- era un figlio affettuoso e un uomo generoso. Daniele era solare e sorridente e non è il figlio che descrivete. Non lo giustifico ma vi chiedo da madre di lasciarlo in pace da adesso in poi. Che riposi in pace e che sia ricordato come io lo ricordo fuori dal mondo del calcio: uomo, figlio, padre, marito, fratello dolcissimo. Vi prego basta. Daniele deve riposare. Grazie se un po’ mi avete compreso. Riposa in me figlio mio“.

Scontri Inter-Napoli, ultime notizie

L’avvocato Mirko Perlino ha rinunciato al mandato nella difesa di uno dei tre ultras dell’Inter arrestati dopo gli scontri prima del match di Serie A Inter-Napoli. Lo ha spiegato lo stesso avvocato dopo aver abbandonato l’interrogatorio che era in corso dalle 13.30 circa al carcere di San Vittore, a Milano.

Perlino ha spiegato di essere stato costretto a rinunciare all’incarico perché, a sorpresa, nel corso dell’interrogatorio uno degli ultras dell’Inter, incalzato dagli inquirenti, ha indicato come organizzatore del blitz contro i tifosi del Napoli un cliente dello stesso avvocato Perlino, fino ad ora estraneo alla vicenda, un nome molto noto nella curva nerazzurra. “A metà interrogatorio – ha spiegato Perlino – sono stato costretto a rinunciare all’incarico perché impossibilitato a seguire accusato e accusatore”, ha aggiunto. L’interrogatorio del ragazzo è proseguito con il co-difensore.

 

Written By
More from Redazione

Tsunami in Indonesia, Farnesina attiva per soccorrere gli italiani

Tsunami in Indonesia: l’Unità di crisi della Farnesina e l’Ambasciata d’Italia a Giacarta...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *