Natale in grande festa per la Juve: decisivo il gol di Mandzukic

Il Natale bianconero si festeggia nel tepore di chi si scalda con mezzo scudetto: l’1-0 sulla Roma, mai in discussione in una sfida dominata con i muscoli e col ritmo, significa titolo d’inverno con due turni d’anticipo. Venticinque punti più giù ecco la Roma, più che doppiata in classifica: il Natale giallorosso è più gelido e non solo per la differenza vista allo Stadium. A DiFra serve tutt’altro atteggiamento per uscire dalla palude e trovare nuovi motivi per godersi le feste nelle prossime due. Allegri, invece, si può specchiare nella faccia cattiva di Mandzukic, spietato guerriero vichingo. Pazienza se attorno a lui allo Stadium ci sarebbe pure spazio per i buoni sentimenti: prima del match, Marchisio a metà campo ha salutato il suo vecchio popolo. Tra l’altro, la temperatura deve avergli ricordato la Russia, nuova patria. Ha pure fatto un giro sotto alla curva, come ai bei tempi, come continuano a fare dopo ogni vittoria (Genoa escluso) i suoi ex compagni.Risultati immagini per mandzukic

Cristiano non si riposa, non oggi, non adesso che la Juve vuole mettere sotto l’albero il primo posto a metà campionato. Con lui i due compagni di merende con cui sa banchettare meglio: Dybala gioca di fino, Mandzukic usa la corazza a tutto campo. Con la benzina delle mezzali Matuidi e Bentancur, la Juve finisce per dominare, anche perché una Roma arrendevole le dà una discreta mano. Florenzi, molto basso a sinistra, è chiamato soprattutto a soccorrere Kolarov, costretto a sua volta a stringersi accanto ai centrali Manolas e Fazio. Zaniolo, rimpianto bianconero, è più vicino ai centrocampisti che ai due attaccanti, Under e Schick. Quest’ultimo, più che rimpianto, è stato sedotto e abbandonato dalla Signora: la versione sbiadita vista all’Allianz non ha sicuramente fatto cambiare idea ai dirigenti bianconeri. Alla fine dei conti, il prudente 3-5-2 nei piani di Di Francesco dovrebbe limitare il gioco sulle fasce dei bianconeri, fonte primaria in cui si abbevera Allegri. Ma il piano funziona poco e niente e il primo tempo è un bicolore bianco e nero.

È da sinistra che la Juve sfonda più volte, risucchiando i giallorossi nella fossa delle Marianne: Alex Sandro, Matuidi, Cristiano danno un dinamismo vorticoso. È proprio il brasiliano, ringalluzzito dal nuovo contrattone da cinque milioni, ad andare vicino al gol tre volte in 20 minuti: in due occasioni Olsen si supera, in un’altra un tiro ravvicinato è ribattuto dalla difesa. La differenza di ritmo è evidente: sulle punte giallorosse cade sempre la mannaia degli anticipi dei centrali bianconeri, in primis di Bonucci, preferito a Benatia. Se da un lato la Juve mette nel pallottoliere calci d’angolo su calci d’angolo, dall’altro la Roma fatica a uscire dal guscio. Il portiere svedese, in super serata, resiste ai tentativi portoghesi, ma capitola di fronte allo strapotere croato: su un cross dolce di De Sciglio, insolito perché mancino, Mandzukic si esibisce nella specialità dell’anno. È il salto sulle spalle del terzino di turno. Dopo aver “bullizzato” nell’ordine Mario Rui, Rodriguez e Asamoah, Mario stavolta stravince il duello aereo con il povero Santon e fa 1-0.
Kluivert è per la Juve quel centravanti raffinato dell’Ajax sconfitto in finale di Champions: regala ricordi dolci. Il figlio Justin ieri ha sbattuto il muso contro una vecchia rivale di papà Patrick: entrato in campo al posto di Florenzi per spostare il baricentro, non è riuscito tanto nell’impresa. Al contrario, Cristiano continua il suo duello alla baionetta contro Olsen: lo svedese gliele prende tutte, di testa e di piede, da vicino e da lontano. Al portoghese non rimane che scalciare il palo e sbracciare contro il destino e la stanchezza: Allegri ha già detto che in una delle prossime due, tra Atalanta e Samp, gli darà un po’ di tregua, forse necessaria. Anche se lo strappo nel recupero per il cross tramutato in rete da Douglas Costa e annullato dal Var certifica la necessità di averlo sempre e comunque in mezzo alle difese avversarie. Il suo sodale Mandzukic, invece, dimostra fino alla fine di avere una cilindrata diversa dal resto della compagnia: è il primo dei difensori quando la Roma prova a imbastire qualcosa di buono. Ha la stessa fame di capitan Chiellini che continua nello stato di forma sublime: andrebbe pure a fare il 2-0 di testa, ma l’arbitro annulla. Negli ultimi dieci minuti gli capita di marcare il ben più pericoloso Dzeko, ma non sembra esserci davvero niente che possa rovinare il Natale bianconero.(lagazzettadellosport.it)
Written By
More from Redazione

Montella alla Fiorentina: “Sono felice”

Vincenzo Montella riparte dalla panchina della Fiorentina. La società viola ha scelto lui per sostituire...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *