Muore Sandro Mayer,addio ad un pezzo importante del giornalismo italiano

«Vivevo a Napoli e mi sono formato ascoltando la gente dei bassi, mescolati ai discordi dell’aristocrazia partenopea. Poi ci trasferimmo a Milano e vinsi un posto fisso in Fiat ma non ci andai mai e partii per Londra, dove ho fatto il cameriere per imparare l’inglese». Da lì è arrivato al giornalismo, direttore per vent’anni del settimanale Gente e dal 2004 direttore delle testate di Cairo Editore, Dipiù e Dipiù Tv. Sandro Mayer — nato a Piacenza 77 anni fa — è morto nella notte, all’ospedale Fatebenefratelli di Roma.Laureato in Scienze Politiche, Sandro Mayer ha iniziato a lavorare come traduttore, poi si è dedicato al giornalismo. Direttore prima di Novella 2000, poi di Epoca (nel 1981), arrivò alla guida di Gente nel 1983. Dopo un’esperienza ventennale nel settimanale, passò a Cairo Editore, prendendo le redini anche di Dipiù e Dipiù Tv.Risultati immagini per sandro mayer

Mayer è stato un volto popolare per milioni di spettatori, spesso chiamato come opinionista o giudice in diversi programmi televisivi, sia Mediaset, sia Rai, da Domenica In e Buona Domenica a Ballando con le stelle. Ora l’affetto e la sorpresa per la sua scomparsa corre sui social, tra tributi e omaggi: «Ha cambiato il mestiere di giornalista». La sua forza era la capacità di mescolare l’alto e il basso, formula sempre buona per avere un’ampia platea. Ha visto sfilare e cambiare un mondo di celebrità, come ricordava in un’intervista di qualche tempo fa a F: «Un tempo erano molto più disponibili a parlare di sé. Avevano capito che gli conveniva: se entri nel cuore della gente e permetti che i giornali facciano di te un personaggio, la tua carriera si rafforza e puoi superare il fallimento di un film, che prima o poi capita a tutti».

Nella sua carriera ha intervistato anche politici nient’affatto banali come Gheddafi, Indira Gandhi, Ronald Reagan: «Ero andato a Los Angeles per alcuni divi del cinema e si parlava solo di Reagan, un attore che stava per diventare presidente degli Stati Uniti. Comprai un biglietto sul suo stesso volo, ma quando fummo a bordo lui era nelle prime file con il suo staff, io ovviamente in ultima. Mi venne l’idea di chiedere di passare per andare alla toilette e fece il gesto di farmi passare. E io: “Sono qui per intervistare lei”. Lui senza battere ciglio disse: “Come on my friend” e mi fece sedere vicino a lui. Parlammo per il resto del viaggio».Il record di copie vendute lo ebbe con Gente: «Edwige Fenech in costume da bagno, un milione e mezzo di copie. Ero convinto che a vendere fosse stata la sua bellezza, invece il distributore mi disse che era stata la dieta di Rosanna Lambertucci». Era anche un romantico, tornando alla sua esperienza inglese, raccontava: «La mancia più ambita, mezza corona, me la lasciò una ragazza italiana che studiava a Cambridge. Quella moneta la conservo ancora e lei è diventata mia moglie».

a cura di Gennaro Sannino

 

Tags from the story
, ,
Written By
More from Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *