Nelle Notti Napoletane brilla una stella. È quella di Lorenzo Crea

Trentadue anni appena compiuti, e festeggiati con un party record con più di 1000 persone accorse da tutta Italia, giornalista professionista da 10 il bel Lorenzo, croce e delizia di molte donne, non si ferma più.Nelle ultime settimane ha “firmato” alcuni eventi davvero importanti, dal Nemea X Night alla serata con Asia Argento da Shinto passanti per la organizzazione di due sfilate meravigliose come quelle di Bruno Caruso e Alessio Visone, fra gli stilisti più amati d’Italia.Carattere controverso a tratti misterioso. Di Lui si dice tanto ma in realtà si sa poco.L'immagine può contenere: una o più persone e vestito elegante

Una cosa è certa. Mettetelo in mezzo alle persone e lo renderete felice. La sua capacità di curare le pubbliche relazioni lo ha portato in breve tempo a essere ingaggiato da aziende e imprenditori di primo livello del nostro territorio.Prova ne sia che l’entourage di Renato Balestra lo ha contattato per la Mostra sulle meravigliose creazioni del Maestro che si terrà a Dicembre a Napoli e il gruppo Carpisa Yamamay, non esattamente l’ultima realtà produttiva del paese, gli ha confermato la direzione artistica del Premio Donne Carpisa Yamamay anche per questo Natale.

Ma c’è solo il lavoro nella vita di Lorenzo? Si conosce il legame con la Madre, Graziella Pagano, dalla quale ha preso molto dal punto di vista caratteriale e non solo.La cura dei rapporti, la disponibilità a risolvere problemi e situazioni e la passione con quale affronta anche le critiche e gli attacchi più duri Lorenzo è il degno figlio della “leonessa” della politica napoletana.Qualcuno si chiede se prima o poi toccherà a lui “scendere in campo”.I bene informati glissano, il diretto interessato non lo esclude e nel frattempo continua a dirigere Retenews24 e a controllare direttamente o indirettamente buona parte di ciò che si muove nelle Notti napoletane.Nonostante le critiche, spesso ingenerose e ingiuste, e i bastoni fra le ruote che in tanti (spesso inutilmente) gli hanno messo fra le ruote.Parliamoci chiaro. Un ragazzo, o meglio un giovane uomo di 32 anni che arriva come un Ciclone in un ambiente dove per anni hanno spadroneggiato gente molto più grande di lui, non è facile da digerire. Ma di fronte alle malelingue Lorenzo Crea si esalta, trova quasi sempre il modo di volgere a suo favore anche situazioni controverse.Sotto al Vesuvio, piaccia o no, è nata una stella.E sarà molto difficile spegnerla.                                              a cura di Maria Parente

Written By
More from Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *