MiFID 2, l’evoluzione dei servizi finanziari europei: nuove regole e vantaggi per gli investitori

I principali vantaggi che la direttiva MiFID 2 ha apportato al mercato finanziario italiano,con il recepimento nell’ordinamento italiano nel gennaio 2018, riguardano soprattutto una maggiore personalizzazione del servizio, l’introduzione di nuovi prospetti informativi e più garanzia per il risparmiatore per quanto riguarda le commissioni di remunerazione per l’intermediario, più difficili da applicare in mancanza di un adeguato rendimento per l’investitore.

Quali sono i benefici che la MiFID2 prevede per l’investitore?

  1. Efficientamento del processo di consulenza finanziaria
    Ogni intermediario finanziario dovrà garantire che i prodotti finanziari siano adeguati ai clienti cui vengono offerti. In che modo? Prima di tutto comprendendo a fondo le caratteristiche degli strumenti finanziari proposti e, oltre a questo, categorizzando correttamente le varie tipologie di cliente e assicurandosi che i prodotti e servizi offerti siano allineati con gli interessi dell’investitore. Il consulente dovrà inoltre produrre dei report aggiornati al fine di continuare a monitorare gli interessi del risparmiatore.
  2. Abolizione delle commissioni aggiuntive
    Questo punto riguarda le remunerazioni aggiuntive che i consulenti o gestori ricevono dagli emittenti o dalle case prodotto. Queste, nello specifico, non saranno più contemplate e, le uniche fee ricevute dall’intermediario indipendente dovranno essere quelle pagate direttamente dal cliente/investitore. Tale variazione, prevista dalla MiFID 2, è stata considerata per evitare che si presentino meccanismi di remunerazione che potrebbero spingere gli operatori a suggerire specifici strumenti finanziari a discapito di altri senza considerare le esigenze e gli obiettivi del risparmiatore.
  3. Maggiore chiarezza informativa

Minimo comun denominatore delle novità portate dalla MiFID 2 è senza dubbio la trasparenza. Gli aspetti sopracitati, infatti, mirano a rendere più chiari e comprensibili i processi di investimento agli investitori promuovendo, in questo modo, una maggior fiducia nel settore, da sempre percepito come opaco. Ottimizzare i servizi all’investitore, migliorare l’efficienza e ridurre il rischio, sono questi i focus introdotti dalla MiFID 2, che richiederanno, per essere applicati, uno sforzo non indifferente da pare delle società ancora non conformi.Immagine correlata

Nonostante manchi ancora qualche mese all’entrata in vigore della MiFID 2, Euclidea ha scelto sin dall’inizio di promuovere la piena consapevolezza dell’investitore attraverso comunicazioni trasparenti. Il servizio di gestione patrimoniale Euclidea, infatti, non prevede intermediari ed è totalmente indipendente; non riceviamo quindi fee dagli emittenti o dalle case prodotto e ci assicuriamo che ogni scelta di investimento venga presa nel completo rispetto e interesse del risparmiatore.

a cura di Maria Parente

Written By
More from Redazione

Sicilia, Vittorio Sgarbi si dimette da assessore ai Beni Culturali: “Musumeci dipendente dei 5 Stelle”

PALERMO – “Consegno oggi la lettera di dimissioni al mio capo di gabinetto,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *