L’ex senatrice Graziella Pagano parla di sé e della sua malattia. E lo fa pubblicamente sui social: “L’affetto che sto ricevendo in questo momento è indescrivibile”

Non è mai facile per una donna ,soprattutto se in carriera, dover ammettere e parlare della malattia : non lo è per sé stesse poiché bisogna elaborare nell’intimo che sussiste un problema grave di salute da affrontare ed inoltre, non è affatto piacevole riconoscerlo pubblicamente,condividerlo quindi con chi ci circonda. L’immagine di una donna in perfetta forma(fisica e mentale) equivale senza ombra di dubbio ad una persona forte,quasi onnipotente e l’ammissione di una malattia potrebbe comprometterne l’integrità e ritrovarsi ,da un giorno all’altro, ai margini della società. Ad abbattere ogni tabù sull’argomento interviene l’ex senatrice Graziella Pagano che da quando ha scoperto di avere un mieloma ,a seguito di un banale controllo di routine,ha deciso di condividere con parenti e amici ogni momento di questo delicato percorso,volendo altresì incoraggiare le donne che come lei vivono una malattia “all’ombra della società”: ammalarsi non è una vergogna,né una debolezza e Graziella Pagano ne fa il suo nuovo inizio e punto di forza.

Una scelta d’impeto per la Pagano che nell’ultimo periodo, ha messo un da parte la sua esperienza politica (5 anni consigliere comunale, 15 anni senatore, 2 anni europarlamentare e 2 anni assessore, senza contare gli incarichi di partito dal Pci al Pd), per parlare più di se stessa. Come ha fatto martedì 30 ottobre prendendo la parola a un mega-party a Edenlandia per festeggiare il suo e il compleanno del figlio Lorenzo,nati a cinque giorni di distanza.

Da un’intervista rilasciata a “Il Mattino“, Graziella Pagano racconta:”Quando sei malato con una patologia così grave è come se si chiudesse un sipario, anche temporaneo, sulla tua vita. E anche se hai amici che vengono a trovarti, a confortarti, vieni messo un po’ di lato nella realtà quotidiana. Accade, è così. Ho deciso subito di parlarne non certo per pietismo o commiserazione, non ne sarei il tipo, ma anzi per ribadire a gran voce che io, nonostante la malattia e le cure per sconfiggerla, nella vita reale continuo ad esserci. Io ho solo provato a raccontare il mio viaggio convinta di aiutare me e anche chi soffre come me. Per provare a dare forza a tanti, specie alle donne, che si sono immedesimati e riconosciuti nella mia situazione.”

“Dunque ho voluto fortemente condividere e raccontare passo per passo questa esperienza non solo con famiglia e amici ma anche con i miei “amici virtuali”di Facebook che si sono rivelati carinissimi: ogni mattina ed ogni sera ricevo puntualmente messaggi di affetto e stima,caricandomi di una forza maggiore per lottare e guardare al futuro accanto alla mia famiglia ed in politica che,anche se da lontano,non intendo abbandonare“.

a cura di Maria Parente

Written By
More from Redazione

Ruby ter, Berlusconi ancora a processo a Milano con 4 “olgettine”

ROMA – Silvio Berlusconi è stato rinviato a giudizio, ancora una volta, a...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *