Borsa: Milano apre in forte rialzo (+1%)

Apertura in deciso rialzo per Piazza Affari, in scia alla corsa dei listini asiatici e alle speranze di un accordo che ponga fine alla guerra commerciale tra Usa e Cina. Il Ftse Mib ha avviato le contrattazioni in progresso dello 0,97%, a 19.371 punti. Nel frattempo lo spread è in deciso calo nei primi scambi della giornata. Il differenziale scende a 292 punti base col tasso sul titolo decennale del Tesoro è al 3,35%.

Volano le Borse asiatiche dopo la telefonata tra il presidente Usa Donald Trump e quello cinese Xi Jinping e le indiscrezioni secondo cui lo stesso Trump avrebbe chiesto ai suoi funzionari di mettere a punto una bozza di accordo commerciale da discutere in occasione del G20 in Argentina.

Tokyo ha chiuso in rialzo del 2,56%, Seul del 3,53% Shanghai del 2,7%, Shenzhen del 3,43% e Hong Kong, a scambi ancora in corso, avanza del 3,8%, in quella che è la miglior seduta per i listini dell’area dall’aprile del 2016. Ma i segnali di disgelo fanno correre anche i future sull’Europa e su Wall Street riportando gli investitori, dopo un mese di ottobre disastroso per i mercati azionari, ad orientarsi verso asset rischiosi vendendo ‘safe haven’ come lo yen, in calo su tutte le valute, e i Treasury americani, i cui rendimenti salgono di 4 punti base.Risultati immagini per borse economia italia

“I commenti positivi del presidente Trump sulle tensioni tra Usa e Cina stanno facendo sorridere i mercati nel breve termine”, ha detto Tai Hui di Jp Morgan.

E corrono in avvio di seduta le Borse europee, spinte dalle speranze di un accordo tra Usa e Cina che ponga fine alla guerra commerciale avviata dal presidente Donald Trump. Francoforte ha aperto in progresso dell’1,46%, con l’indice Dax a 11.636 punti, Parigi dell’1,2%, con il Cac 40 che segna 5.147 punti,mentre Londra sale dello 0,91%, con il Ftse 100 a 7.179 punti.

a cura di Gennaro Sannino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *