Il Festival del Legno si dipinge di rosa: trionfano la mostra delle donne e la stilista Angela Bellomo

Un vero trionfo per la mostra “Il mondo delle donne”, che è stata inaugurata il 30 settembre presso la Chiesa di S. Ambrogio a Cantù (Como), durante il Festival del Legno. La mostra curata e prodotta dall’Associazione “RussiA Como” e dalla rivista italo-russa “Ozero Komo” , gli scatti realizzati dal fotografo Herman Koval (Production – Shoroh Gang). Questi splendidi scatti, raccontano la vita delle donne che il destino ha portato lontano dalle loro radici, e che nonostante gli ostacoli della vita hanno raggiunto con successo i loro obiettivi a livello professionale e personale, grazie alla loro passione e visione globale del mondo. Le protagoniste 10 Donne straordinarie che hanno dimostrato al mondo la loro forza attraverso gli obiettivi raggiunti, dieci storie diverse, ma con un comune denominatore “la forza delle donne”. Ospite d’onore della mostra “Il mondo delle donne”, la stilista Angela Bellomo, parte attiva del progetto, visto che molti dei suoi capi sono stati indossati per la realizzazione della mostra, pluripremiata ed ambasciatrice del made in Italy, i suoi capi di alta sartoria rappresentano la vera eccellenza italiana, la stessa dichiara – Voglio continuare a battermi per rendere viva la nostra tradizione che da sempre ci viene riconosciuta in tutto il mondo – Numerosi ospiti da tutta l’Italia e dalla Russia hanno partecipato alla serata piena di sorprese, valorizzata da speciali performance e interviste a seguire con l’inviata Gabriella Chiarappa di RomeFashionTv. La mostra è stata abilmente raccontata dall’editore della rivista “Ozero Komo” Tatiana Rykoun, menzionando le persone coinvolte tra cui la presidente dell’Associazione “RussiA Como” Natalia Brusentsova, che ha ricordato gli altri progetti della «RussiA Como» ringraziando il Comune di Cantù per la collaborazione. A seguire la curatrice della mostra Angelica Kozlova ha presentato le protagoniste: 10 donne magnifiche, forti, intelligenti e piene di talento. Tutte presenti all’inaugurazione, nonostante gli impegni, (tranne tre assenti per motivi personali). Olga Strada – direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Mosca. Beatrice Venezi – direttore d’orchestra, pianista e compositrice. Ludmilla Radchenko – pittrice, art designer, ex modella e attrice. Irina Gerasimenko – la presidente della storica squadra di pallacanestro e business woman. Olga Romanko – soprano, cantante lirica di fama mondiale. Irene Muscara’ attrice italiana che recita in russo e porta la sua arte nei pù grandi teatri di Mosca. Anna Olkhovaya – la ballerina russa del Teatro alla Scala, insegnante, coreografa che ha sorpreso il pubblico con una performance straordinaria per l’occasione. Un messaggio solidale giunge da coloro che per motivi improrogabili non ha potuto presenziare: Natasha Stefanenko attrice, show girl, modella, Olga Sorokina, l’avvocato, madre di ‘8 figli e business woman e Irina Stigler allevatrice di cavalli arabi, giudice internazionale e organizzatrice dei concorsi di cavalli. Grande l’entusiasmo che ha riscosso nei visitatori, un ambiente decisamente unico una Chiesa seicentesca ed una grande atmosfera allietata dalle splendide note del gruppo “Ladies in Soul” Samantha Iorio, voce Rita Bacchilega, Pianoforte Michela Gatti, violoncello e basso elettrico Paola Bertassi, Sax. Un luogo d’incanto dove ammirare le splendide gigantografie, le interviste, i video e gli oggetti del cuore di queste donne che hanno esposto come simbolo della loro personalità, un viaggio che racconta le sfide della donna di oggi, in un mondo globalizzato, dove loro eterne protagoniste sono in grado di portare la loro cultura oltreoceano. Patrocinato dal Comune di Cantù, Teatro Teatro San Teodoro La mostra successivamente si sposterà a Torino, Verona e Roma per poi proseguire per la Russia. Woman’s in world “Il Mondo delle Donne”.

Tags from the story
Written By
More from Redazione

LA LEGA DIVENTA NAZIONALE:AL VIA IL TESSERAMENTO

ROMA – La Lega parte dalla tessera per dare, nero su bianco, l’addio al concetto...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *