Dott. Ivan Giordano:”Controversie lunghe e costose possono essere evitate con il ricorso alla mediazione: l’ICAF dal 2012 forma e aggiorna mediatori civili”

Le controversie rappresentano oggi uno dei maggiori grattacapi per le famiglie italiane e la mediazione è uno strumento valido a cui opportunamente ricorrere per risolvere la situazione con rapidità ed efficacia. Intervistato per il quotidiano “La Notte” il Dott. Ivan Giordano(Responsabile dell’Organismo di Mediazione e Direttore Scientifico dell’Ente di Formazione)giurista dell’economia e dell’impresa, tributarista, esperto contabile e consulente aziendale. Ivan Giordano è membro dell’Osservatorio sull’Uso dei Sistemi ADR e ospita all’interno della sede del proprio organismo il Dipartimento di mediazione tributaria e per l’impresa. Il dott. Giordano è anche Presidente provinciale dell’Associazione Italiana dei Tributaristi LAPET e Responsabile Scientifico dell’Associazione Italiana dei Revisori Condominiali AIReC e grazie a queste sinergia, si stanno elaborando interessanti progetti tra mediatori e tributaristi, tra mediatori e revisori condominiali.

Quando esattamente viene costituito e da chi è presieduto l’ICAF? “L’Istituto di Conciliazione e Alta Formazione(denominato ICAF)si costuisce per mano del Dott. Ivan Giordano (giurista dell’economia e dell’impresa, tributarista, esperto contabile) e il Dott. Luca Lazzerini (commercialista, revisore dei conti, consulente del lavoro): dopo 10 anni di attività professionale svolta in stretta sinergia,nel marzo 2011,decidono di dare vita ad un nuovo servizio di gestione delle controversie e del contenzioso che si rivolga a cittadini, imprese ed enti pubblici e privati. L’introduzione della mediazione all’interno dell’ordinamento italiano è considerata dall’ICAF una grande opportunità per apportare maggiori vantaggi alla società civile:le famiglie, le imprese,le pubbliche amministrazioni sono attanagliate stress e costi che derivano dalle controversie e quindi la possibilità di poterle risolvere nel giro di pochi mesi mediante il ricorso a professionisti specializzati quali i mediatori ,senza doversi mortificare con cause che sono annose e su cui si finisce per perdere il controllo. La costituzione di ICAF è in realtà l’epilogo di un percorso professionale nel settore della gestione stragiudiziale delle controversie iniziato nel 2008 con la costituzione di AssoConciliazione, associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivo promuovere la cultura della mediazione e le altre forme di ADR (Alternative Dispute Resolution).”Risultati immagini per mediazione

ICAF si qualifica come l’unico organismo in Italia ad aver introdotto nel proprio regolamento il sistema dei crediti professionalizzanti. Dott.Giordano,me ne può parlare?”Il sistema dei crediti professionalizzanti è stato introdotto nel 2012 e consiste nell’imporre ai mediatori che lavorano con ICAF  un tipo di formazione abilitante e continua che non si limita ad eseguire quanto previsto dalla normativa bensì cento ore di formazione annue a cui i mediatori civili ICAF devono necessariamente attenersi. Le porto un esempio:per legge i mediatori devono fare cinquanta ore di formazione abilitante e diciotto ore di formazione continua ogni due anni ovvero: cinquanta ore abilitante una volta solo e nove ore ogni anno. Noi di ICAF predisponiamo cinquanta ore abilitanti(come previsto dalla legge)a cui si aggiungono cento ore ogni anno già dal primo anno.Dunque ,dopo due anni di formazione con ICAF, i mediatori ammontano a centocinquanta ore di formazione specifica per ogni materia. Da responsabile dell’organismo incombe su di me l’onore di scegliere i mediatori per ogni controversia.La scelta transita attraverso due specifici requisiti: a)verifica della reale formazione sulla base dei crediti professionalizzanti quindi non è sufficiente che abbiano seguito la formazione prevista dalla norma ;b)i mediatori sono scelti oer competenze specifiche della materia, quindi se un mediatore deve trattare una controversia condiminiale deve conoscere bene le normative condominiali,così come per le successioni ereditarie,controversie bancarie etc. Per ICAF la specializzazione per materia è indispensabile oltre che prioritaria!”

Nello specifico quali sono icorsi proposti dall’ICAF?”ICAF propone, oltre al corso di formazione abilitante e al corso di aggiornamento obbligatorio per mediatori civili, una serie di corsi e seminari che mirano a specializzare sempre di più la figura del mediatore e migliorare il suo bagaglio di conoscenze rispetto alle materie trattate (ad esempio seminari specifici su condominio, appalti, pubblica amministrazione, trasferimenti immobiliari…).Oltre ai corsi di mediazione, ICAF progetta ed eroga altre tipologie di coso tra i quali sono molto ricercati il Corso di Revisore Condominiale (modulo base e avanzato), il Corso pratico intensivo di Contabilità Condominiale, il Corso di Contabilità Generale.”

In quale zona del territorio opera ICAF?”ICAF collabora attivamente con i propri mediatori e il proprio personale nella diffusione della cultura della mediazione e dell’ADR, gestendo Sportelli di Conciliazione sul territorio (con riferimento al già citato sistema di qualificazione continua dei mediatori attraverso i “crediti professionalizzanti” previsto dall’Organismo), organizzando convegni, seminari e incontri informativi e formativi, a carattere gratuito e aperti a tutti. Ad oggi ha sedi dirette a Milano, Monza, Rho (MI), Lecco, Varese, Busto Arsizio (VA), Melegnano/Lodi, Padova, Roma e Santa Teresa Gallura (OT) e inoltre tutte le sedi convenzionate con altri Organismi di Mediazione accreditati al Ministero ex art.7 DM 180/2010 (regioni Lombardia, Liguria, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Marche, Basilicata, Puglia, Sicilia, Sardegna). ICAF organizza mensilmente seminari, incontri informativi e formativi gratuiti aperti a cittadini, liberi professionisti, imprese, enti pubblici e privati per divulgare la cultura della mediazione e dell’ADR. Seminari e incontri si svolgono in collaborano con Comuni, associazioni e ordini professionali, affrontando argomenti differenti: dal condominio alla mediazione famigliare, dalla materia di consumo ad aspetti fiscali e tributari connessi alle aziende.ICAF gestisce inoltre circa 20 Sportelli informativi di Conciliazione e gestione delle controversie a Milano e provincia, Monza e Brianza, Lecco e provincia, Busto Arsizio, Lodi, Varese, Padova  e Roma per diffondere sempre di più la conoscenza della mediazione civile e garantire a tutti i mediatori formati concrete opportunità professionali.Con riguardo alla formazione ICAF non si pone lmiti territoriali poiché è possibile usufruire della formazione d’aula semplicemente attraverso l’ultizzo di tablet e pc.”

a cura di Maria Parente

Tags from the story
, ,
Written By
More from Redazione

MIGRANTI, MINISTRO FONTANA: “ONU COME UE, VA RIFORMATA”

ROMA, 10 SET – “Prese di posizione e tentativi di ingerenza come...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *