Il Lusso della vita… L’eleganza del sigaro

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta e spazio al chiusoUn piacere sopraffino, uno stile di vita, un’arte raffinatissima che chi non ha mai provato difficilmente riesce ad apprezzare nella sua totalità e nei suoi infiniti gusti e piaceri.

Una passion ed un momento di relax e riflessione più che un vizio. Una storia lontana che racconta di navigatori ed esploratori che sembra che rivive ad ogni nuvola di fumo.

La nostra conoscenza sui sigari parte dalla scoperta delle americhe e più precisamente dai viaggi di Cristoforo Colombo che, arrivato nelle isole caraibiche, vide gli indiani fumare le foglie di tabacco arrotolato e fu proprio uno dei suoi marinai, Rodrigo de Jerez, ad introdurre il fumare le foglie di tabacco  in Europa.

Già negli anni trenta e quaranta fino ai giorni nostri,  le grandi celebrità come Gary Cooper, Ginger Rogers, Frank Sinatra, Ernest Hemingway, Clint Eastwood, Arnold Schwarzenegger, tutti si dedicavano al fumo di costosi ed importanti sigari, simbolo di eleganza ,potere e rappresentazione di uno status sociale “diverso”.

Fu il grande statista inglese Sir Winston Churchill l’uomo che incarnò l’idea stessa del sigaro.

 

Il sigaro oggi non ha perso il suo fascino, non solo uomini di mezza età ma anche donne e giovani, il sigaro oggi è trendy. Un piacere da intenditori, che emana fascino ed eleganza.

 

Il sigaro crea il suo stile di vita.

Tra i migliori sigari svettano Montecristo, Aging Room, Davidoff, Padrón e Cohiba.

Al primo posto tra i migliori al mondo troviamo il Montecristo No. 2, un sigaro pieno e corposo che prende il suo nome dal protagonista del famoso romanzo di Alexandre Dumas “Il conte di Montecristo” e non può non ricordare il famoso film con Gerard Depardieu e il suo immancabile sigaro.

 

Non resta che provare e scegliere quello che più corrisponde alle proprie caratteristiche e gusti personali, non dimenticando mai che fumare il sigaro è un’arte, sensazioni, olfatto e scoperta.

Mi piace ricordare che l’Italia ha, riguardo ai sigari, un’eccellenza pari ai cubani. Si tratta dei sigari toscani, prodotti da oltre 200 anni esclusivamente con tabacco Kentucky ed essiccati e affumicati su legni di faggio che regalano al sigaro il suo caratteristico profumo.

 

Sicuramente è una delle mode più eleganti del momento ma rimane per molti uno stile di vita. Quelle foglie arrotolate, quell’aroma inconfondibile, la cultura del fumo lento, assaporato, goduto, condiviso con se stessi e con i propri pensieri magari sorseggiando un ottimo rhum e degustando un cioccolato deciso.

E come dico io :” gli altri hanno bisogno di feste , di auto , di viaggi…. Io del mio sigaro”.

L'immagine può contenere: 1 persona, barba, primo piano e spazio al chiuso

 

 

Cesare Cilvini

 

Written By
More from Redazione

Crisi idrica nell’Alto Jonio, interviene la Senatrice Rosa Silvana Abate (M5S Senato)

«Il Comitato degli agricoltori, insieme alle istituzioni locali, mi hanno chiesto di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *