Serie A, Napoli-Parma 3-0: Insigne e doppio Milik, Juventus avvisata

Squadra che vince si cambia e vince ancora. Una rivoluzione silenziosa quella realizzata a Napoli da Ancelotti che sfida uno dei proverbi più antichi del calcio e le leggi vigenti nel triennio di Sarri, ormai superate dal nuovo codice imposto da sua maestà ‘Carlo Magno‘. Senza grandi proclami il tecnico emiliano si è impossessato della creatura affidatagli in estate da Aurelio De Laurentiis e in poche settimane l’ha plasmata a sua immagine e somiglianza, dandole imprevedibilità e pragmatismo senza però toglierle l’entusiasmo, lo spirito di gruppo e la voglia di giocare a calcio divertendosi. Questi gli ingredienti che al San Paolo – nonostante i nove cambi in formazione – hanno portato al convincente 3-0 sul Parma che consente di restare a -3 dalla Juventus capolista a tre giorni dallo scontro al vertice in programma sabato allo Stadium. Una vittoria nuovamente griffata da Insigne, a segno per la quinta volta in sei partite di campionato (l’anno scorso per toccare la stessa quota dovette aspettare la 17esima giornata) e unico – insieme al sempre presente Koulibaly – a potersi ancora fregiare del titolo di ‘titolarissimo’. Esentato da estenuanti compiti difensivi, è diventato lui il leader tecnico e morale di una squadra capace ora di cambiare pelle senza perdere l’anima. E non è un caso che l’unica sconfitta sia arrivata a Marassi contro la Sampdoria, iniziata senza il folletto partenopeo in campo dal primo minuto. Serie A, Napoli-Parma 3-0: Insigne e doppio Milik, Juventus avvisata

LE SCELTE – Forte delle risposte dategli dall’intero gruppo, finalmente coinvolto in tutti i suoi componenti, il tecnico stravolge la squadra che pochi giorni prima aveva dominato il Torino in trasferta e conferma solo gli inamovibili Koulibaly Insigne. Nel camaleontico 4-4-2 riproposto da Ancelotti c’è Maksimovic al fianco del senegalese in mezzo alla difesa, mentre a destra Malcuit fa il suo debutto debutto assoluto in maglia azzurra e a sinistra torna titolare Mario Rui con Karnezis che rivela Ospina tra i pali. In mediana stavolta tocca invece al tandem AllanDiawara, con Fabian Ruiz e Zielinski esterni atipici e Milik a fare coppia con capitan Insigne. Un po’ di Napoli c’è però anche nel 4-3-3 scelto per gli emiliani da D’Aversa, che concede un turno di riposo al rinato Gervinho e nel tridente dà una chance a Ciciretti, ex di turno come il portiere Sepe e il centravanti Inglese.

a cura di Carmine Cilvini

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Vaccini, polemica sul rinvio al 2019

Non si placa la polemica sul tema dei vaccini dopo che il Senato ha approvato...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *