Il Papa a Palermo: non si può credere in Dio ed essere mafioso

“Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Chi è mafioso non vive da cristiano, perché bestemmia con la vita il nome di Dio-amore. Oggi abbiamo bisogno di uomini e di donne di amore, non di uomini e donne di onore; di servizio, non di sopraffazione; di camminare insieme, non di rincorrere il potere”. Lo ha affermato papa Francesco, tra gli applausi, durante la messa al Foro Italico, a Palermo. Sono 80 mila i fedeli in ascolto.Risultati immagini per papa francesco

A Palermo Bergoglio ricorderà il beato don Pino Puglisi, il parroco del quartiere Brancaccio ucciso dalla mafia il 15 settembre del ’93.

Il Papa è arrivato a Palermo proveniente da Piazza Armerina (Enna), prima tappa del suo viaggio, dove è stato accolto da 40 mila persone. “Sono contento di trovarmi in mezzo a voi. E’ bello il sole della Sicilia!”. Così papa Francesco ha iniziato il suo discorso durante l’incontro con i fedeli a Piazza Armerina.

Parlando alla popolazione Francesco ha ricordato “le diverse problematiche” del territorio, tra cui disoccupazione, usura, dipendenze.  A Piazza Armerina, al termine della benedizione, il Pontefice ha incontrato tantissimi fedeli che avrebbero dovuto fare il baciamano. Il Papa ha subito bloccato il primo pellegrino, invitandolo a baciarlo sulle guance. Centinaia le persone che hanno provato ad avvicinarlo per mostrare il loro affetto anche se il baciamano era previsto solo per 50.

Il Pontefice ha abbracciato una giovane coppia con un neonato, si è soffermato a lungo con i detenuti delle carceri di Piazza Armerina, Enna e Gela. Il Papa ha poi abbracciato un disoccupato, un giovane di colore, e con un pellegrino si è fatto anche un selfie prima di indossare un cappellino che gli era stato offerto da un bambino disabile. Ha baciato e benedetto tanti ammalati sulla sedia a rotelle che lo attendevano ai piedi del palco. Ai preti Bergoglio ha consigliato di non far durare la predica più di 8 minuti.(ANSA)

a cura di Alessia Reitano

 

Tags from the story
Written By
More from Redazione

La prevenzione più importante: “15 minuti che salvano la vita”

  La diagnosi precoce investe tutta l’oncologia nel suo complesso, ma è...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *