DROGA, MINISTRO FONTANA: “CON SALVINI PER LOTTA DURA ALLO SPACCIO”

Il  ministro dell’Interno Matteo Salvini ha presentato la direttiva del Viminale “Scuole Sicure” che contiene misure per prevenire e contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi delle scuole. Ciascun comune dovrà inserire le scuole fra i luoghi dove applicare il cosiddetto “daspo urbano” nei confronti degli spacciatori.La direttiva ha inoltre lo scopo di intensificare la collaborazione tra istituzioni scolastiche e amministrazioni locali per prevenire “le più gravi forme di devianza” e rafforzare “attività di controllo del territorio e un’intensificazione dell’attività info-investigativa ai fini della prevenzione dello spaccio di stupefacenti e del relativo consumo davanti alle scuole, con la partecipazione della polizia locale”.L’obiettivo esposto da Salvini durante il lancio dell’iniziativa è quello di sequestrare droga per un importo pari ai 2 milioni e mezzo investiti.Alle città più grandi, che faranno da comuni pilota, verrà infatti destinato un fondo proporzionale al numero di abitanti. In tutto verranno stanziati 2,5 milioni di euro del Fondo unico giustizia.Immagine correlata

“Siamo a fianco di Matteo Salvini nella lotta dura allo spaccio. Con “Scuole sicure” inizia la svolta della chiarezza nell’ambito dell’antidroga: per la prima volta vengono assegnati fondi specifici contro lo spaccio di stupefacenti in prossimità delle scuole. Misure come quelle previste dalla direttiva sono un primo e importante segnale, sperimentale, per garantire la tutela dei ragazzi e la tranquillità ai genitori. In piena coerenza con questa linea politica, come Ministero delegato al coordinamento delle politiche antidroga sto già attuando i primi passaggi per il rafforzamento del Dipartimento”.Così il ministro Lorenzo Fontana, delegato alle Politiche Antidroga.
a cura di Maria Parente
Written By
More from Redazione

Scienza,così i batteri cambiano il nostro carattere

Ci sembrerà strano ma la verità è che appena il 43% delle nostre cellule...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *