Sky avverte Asia Argento: fuori da XFactor se ha commesso molestie

Se quanto scrive oggi il New York Times fosse confermato, questa vicenda sarebbe del tutto incompatibile con i principi etici e i valori di Sky e dunque – in pieno accordo con FremantleMedia – non potremmo che prenderne atto e interrompere la collaborazione con Asia Argento». Si chiude così la nota ufficiale di Sky a commento della bufera abbattutasi oggi sull’attrice che, da principale accusatrice di Harvey Weinstein nel sexgate di Hollywood, si ritrova accusata di molestie sessuali nei confronti di minorenne: il network televisivo non esclude la possibilità di rompere il contratto con la giurata dell’edizione 2018 di X Factor.Immagine correlata

Talent show a rischio
«Sky Italia e FremantleMedia Italia», recita la nota, «hanno letto oggi con attenzione e stupore quanto pubblicato dal New York Times su Asia Argento. Va ribadito che Sky Italia e FremantleMedia non hanno scelto Asia Argento come giudice di XFactor Italia per il suo impegno nella campagna #Metoo né per le sue posizioni personali, bensì – come è sempre avvenuto per i giudici di XFactor Italia – per le sue competenze musicali e le sue capacità di gestire un ruolo televisivo in un programma di questo tipo. Competenze e capacità ampiamente confermate durante le puntate di audizioni, registrate nelle scorse settimane, come possono confermare le migliaia di persone che vi hanno assistito tra il pubblico». Dettaglio non di poco conto, quest’ultimo: anche in caso di estromissione della figlia d’arte di Dario Argento dal ruolo di giurata nella fase live del talent show canoro, il pubblico se la ritroverebbe comunque nelle puntate delle audizioni, in corso di montaggio.

L’«accordo» da 380mila euro
Il caso è controverso. La cineasta 42enne eroina del #MeToo, secondo il New York Times, si sarebbe recentemente accordata per risarcire un giovane attore pronto a denunciarla per un’aggressione sessuale risalente a quando lui aveva 17 anni. La Argento avrebbe pagato 380mila euro per fermare l’azione legale che voleva intentare Bennett, ora 22enne, proprio poco dopo aver detto lo scorso ottobre che il magnate del cinema Weinstein l’aveva stuprata. Particolare pulp non di poco conto: i due erano stati madre e figlia nel film Ingannevole è il cuore più di ogni cosa (2004), diretto dalla stessa Asia e tratto dall’omonimo romanzo del fantomatico J.T. Leroy. Bennett afferma di aver fatto sesso con l’Argento in un albergo della California nel 2013. L’età del consenso nello Stato americano è di 18 anni. L’avviso di azione legale affermava che l’incontro traumatizzò Bennett e danneggiò la sua carriera, secondo il New York Times. Il giornale ha riferito di aver ricevuto documenti giudiziari che includevano un selfie di Argento e Bennett a letto. Persone che hanno familiarità con il caso hanno affermato che i documenti sarebbero autentici, riporta il quotidiano.(fonte ilsole24ore)

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Un uovo al giorno può tenere lontano l’ictus

Arriva l’ennesima riabilitazione delle uova, dopo che per anni sono state considerate nemiche...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *