Nave italiana Asso 28 riporta in Libia migranti. Esperto: ‘Italia rischia condanna’

Diventa ancora una volta un caso il salvataggio di migranti nel Mediterraneo. Ed oggi si evoca un’espressione – respingimento collettivo – che fa tornare al 2009, quando l’Italia fu condannata dalla Corte europea dei diritti umani. Protagonista il rimorchiatore italiano Asso Ventotto: ieri ha soccorso 101 persone (con 5 bambini e 5 donne incinte) e le ha portate a Tripoli. “E’ vietato dalle norme, la Libia non è un porto sicuro”, insorgono sinistra, ong e Unhcr. “Tutto regolare”, replicano i ministri Salvini e Toninelli e la Guardia costiera: “l’intervento è stato gestito in autonomia dai libici”.Risultati immagini per nave italiana asso 28

L’armatore conferma. La Commissione europea vuole però vederci chiaro ed ha chiesto informazioni al Governo. A sollevare la polemica è Nicola Fratoianni, che si trova sulla nave umanitaria Open Arms. Ieri, fa sapere, “abbiamo contattato il Centro di coordinamento della Guardia costiera di Roma per segnalare due gommoni in difficoltà a nord di Sabratha, ma non ci hanno dato indicazioni. Abbiamo chiamato anche i libici e ci hanno detto che sarebbero intervenuti loro”. A soccorrere uno dei gommoni è però Asso Ventotto, “su indicazione dei libici, hanno detto la prima volta, ma subito dopo si contraddicono e affermano: ‘stiamo seguendo le indicazioni della piattaforma per cui lavoriamo’. Vale a dire dell’Eni”. Fin qui Fratojanni. Poi c’è la versione del Governo. Prima Salvini sottolinea che la Guardia Costiera italiana “non ha coordinato e partecipato a nessuna” operazione. E dal comando di Roma aggiungono che le attività “si sono svolte sotto il coordinamento della Guardia costiera libica”. Il ministro Toninelli conferma rilevando che “il diritto internazionale non è stato violato”. L’Eni “smentisce qualsiasi coinvolgimento nella vicenda, gestita dalla Guardia Costiera Libica”. Arriva poi la ricostruzione dell’armatore, la Augusta Offshore, che precisa: la richiesta di soccorrere un gommone a circa 1,5 miglia dalla piattaforma “è arrivata dal Marine Department di Sabratah” e le attività “si sono svolte sotto il coordinamento della Coast Guard libica”, con un rappresentante dell’autorità salito subito a bordo. Asso ha recuperato i migranti e si è diretta verso il porto di Tripoli, dove li ha trasferiti a bordo di un battello libico, senza proteste ed incidenti.

a cura di Alessia Reitano

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Governo, Carlo Cottarelli oggi al Colle con la lista dei ministri

Nel giorno in cui Carlo Cottarelli tornerà al Quirinale per consegnare la lista dei ministri al...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *