DL Dignità, salta l’emendamento sulle e-cig: no alla riduzione di tasse sulle sigarette elettroniche

 

Risultati immagini per sigaretta elettroniche

Salta l’emendamento proposto da MoVimento 5 Stelle e Lega a favore del mercato delle sigarette elettroniche all’interno del Decreto Dignità in discussione in Parlamento. Le commissioni Lavoro e Finanze della Camera hanno dichiarato inammissibili i due emendamenti sulle e-cig presentati dalla maggioranza, insieme ad altre 180 proposte di modifiche, con i quali si riducevano le tasse sulle sigarette elettroniche. Ma la maggioranza non ci sta: Lega e M5s hanno già annunciato che presenteranno ricorso su tutti i loro emendamenti dichiarati inammissibili in quanto estranei alla materia in discussione prevista dal Decreto Dignità.I due emendamenti in materia di e-cig erano stati presentati a firma Luigi Alberto Gusmeroli e il loro obiettivo era quello di cancellare la stretta su vamping e sigarette elettroniche. Lo scopo era quello di permettere nuovamente la vendita dei liquidi online con o senza nicotina, nella speranza di poter rilanciare questo settore di mercato. Inoltre, con le proposte di modifica l’obiettivo era anche eliminare l’imposta di consumo dimezzando l’accisa (dal 50% al 25%) per i tabacchi da inalazione senzacombustione.

a cura di Carmine Cilvini

 

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Quali sono i dubbi del garante europeo per la privacy su Rousseau

“Rousseau riguarda una forza politica che adesso ha un’ampia rappresentanza, non è il...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *