Trump: ‘Potrei farlo ma non esco dalla Nato’

“Credo nella Nato. Tutti gli Stati membri hanno concordato di aumentare le spese per la difesa a livelli mai visti prima”. Lo ha detto il presidente Donald Trump. Ora “La Nato è molto più forte di ieri”. “Ai Paesi avevo fatto sapere che ero estremamente scontento”,dice in una conferenza stampa convocata a sorpresa annunciando che “I membri Nato si sono dimostrati “tutti d’accordo ad aumentare il loro contributo. Ci sarà un aumento quantificabile in 33 miliardi di dollari in più, con il contributo dei vari paesi senza tener conto degli Stati Uniti”, ha annunciato soddisfatto. “Ho detto agli alleati – ha proseguito Trump – che non ero contento delle spese della difesa, gli Usa pagano il 90% e non è giusto, ma oggi abbiamo una Nato più forte di due giorni fa perché tutti si sono impegnati ad aumentare le spese della difesa”. Dopo aver attaccato duramente la Germania il tycoon riconosce a Berlino di aver “aumentato molto sostanzialmente la sua quota. Ho grande rispetto per la Germania, mio padre era tedesco”. Indirettamente la cancelliera Angela Merkel conferma: “noi siamo già su questa strada, tutti riconoscono la Nato e sono pronti al contributo”. Anche il governo britannico è “sempre” stato d’accordo con la necessità di un incremento delle quote della spesa per la Difesa da parte dei Paesi europei della Nato: lo afferma un portavoce della premier Theresa May, plaudendo al risultato ottenuto da Donald Trump al vertice di Bruxelles a poche ore dall’arrivo di Trump nel Regno Unito e anzi auspicando che nel prossimo futuro si possa ottenere ancora “di più” .

“I presidenti” americani, twitta, “hanno provato per anni senza successo a far pagare di più la Germania e le altre nazioni ricche della Nato per la loro protezione dalla Russia” ma questi “pagano solo una frazione del costo”, invece “gli Usa pagano decine di miliardi di dollari in eccesso per sussidiare l’Europa, e perdono un sacco sul commercio!”. Trump ha inoltre confermato oggi che “tutte le nazioni Nato devono rispettare il loro impegno del 2%, e questo deve alla fine salire al 4%!”. E poi un nuovo attacco alla Germania anche sul Nord Stream 2: “E per di più, la Germania ha appena iniziato a pagare la Russia, il Paese da cui vuole protezione, miliardi di dollari per i suoi bisogni energetici che derivano da un nuovo gasdotto dalla Russia. Non è accettabile!”.

Gli investimenti italiani per la sicurezza cibernetica a livello nazionale siano compresi nel 2% di spese per la difesa. Questa la proposta che il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, ha fatto a nome del Governo al summit Nato. “Anche gli investimenti per assicurare la resilienza cibernetica a livello nazionale – ha detto Trenta – devono essere comprese nel 2% del Pil che i paesi della Nato hanno deciso di riservare alle spese per la difesa”. “Si tratta – ha sottolineato – di un investimento che riguarda il settore civile oltre a quello militare e il nostro obiettivo è che nel 2% siano contabilizzati gli sforzi italiani nel rafforzare la propria sicurezza interna. Questo vale per ogni singolo Stato ovviamente, perché la sicurezza di ognuno di noi è la sicurezza dell’Alleanza stessa. Auspico dunque che tutti gli sforzi fatti in merito alla sicurezza cibernetica e le risorse correlate siano compresi pienamente nelle spese per la difesa”.(ansa)

Written By
More from Redazione

Mattarella, minacce di morte sui social. Vittorio Di Battista, padre di Alessandro, indagato per Quirinale-Bastiglia

Insulti e minacce contro il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: la polizia postale monitora...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *