Camera, alle 11 Relazione annuale dell’Inps, parla Boeri

Alle ore 11, presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio viene presentata la Relazione annuale Inps. Saluto introduttivo della vicepresidente della Camera, Maria Edera Spadoni. Intervento del ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro e delle Politiche sociali, Luigi Di Maio. Illustra la Relazione il presidente dell’Istituto, Tito Boeri. L’appuntamento viene trasmesso in diretta webtv.Risultati immagini per boeri

Inps: 5,5 milioni di pensionati sotto i 1.000 euro – Nel 2017 i pensionati Inps sotto i mille euro al mese sono pari a 5 milioni e 548 mila, il 35,9% del totale (15 milioni e 477 mila). E’ quanto emerge dalle tabelle sul reddito pensionistico (lordo) del Rapporto annuale. Il dato risulta in calo rispetto a quello presente nel Rapporto precedente (37,5%). Per le donne la percentuale di chi riceve meno di 1.000 euro al mese si alza al 44,8% (3 milioni e 686 mila). Sono invece quasi 1 milione e 114 mila (il 7,2%) coloro che percepiscono più di 3 mila euro al mese.

Il reddito di inclusione (Rei) toccherebbe, a regime, 1 milione e 462 mila persone, pari a 525 mila famiglie. Lo stima l’Inps nel Rapporto annuale, sottolineando che la misura raggiungerebbe il 29% dei 5 milioni dei poveri assoluti. Le risorse “direttamente affluenti” ai beneficiari sono pari, si calcola, a circa 1,8 miliardi. Con altri 6,2 miliardi, prospetta, si riuscirebbe a coprire “sostanzialmente la totalità dei poveri assoluti”.

La stima dei lavoratori coinvolti nei lavori di gig economy sta in “un intervallo da 589.040 a 753.248”. Così il Rapporto Inps, che riprende l’indagine della Fondazione Debenedetti, con cui ha collaborato. I numeri sono un po’ diversi rispetto alla prima recente presentazione, “in quanto si è applicata una più profonda pulizia dei dati” e un sistema più articolato. L’Inps fa poi notare come nonostante “il dibattito pubblico sia incentrato sui rider” questi rappresentino “una parte limitata della gig economy, pari a poco più del 10%”.

I lavoratori dipendenti coinvolti in rapporti di lavoro a tempo determinato e di apprendistato tra il 2016 e il 2017 “sono aumentati significativamente, passando da 3,7 milioni a 4,6 milioni”, in crescita quindi di “quasi un milione” (+24%). Lo rileva l’Inps nel Rapporto annuale, registrando invece un calo per gli occupati a tempo indeterminato: da 14,1 milioni a 13,8 milioni. “Un innesco importante all’espansione dei rapporti a termine – spiega l’Istituto – è giunto dalla soppressione, a marzo 2017, della regolazione tramite voucher delle prestazioni di lavoro accessorio”. Nel complesso l’occupazione dipendente (non considerando il settore agricolo) risulta così in rialzo del 3,5% (da 17.774.866 a 18.391.228).(FONTE ANSA.IT)

a cura di Vincenzo Catapano

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Borse europee aprono in calo su rinnovate tensioni commerciali Usa-Cina

Avvio di seduta negativo per le principali Borse europee sul possibile peggioramento...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *