Borsa: Milano +1,5% con banche, Fca

Piazza Affari conferma il buon avvio con il Ftse Mib che sale dell’1,5% a 21.822 punti. Al pari delle altre Borse europee gli indici corrono in scia all’accordo sui migranti raggiunto al Consiglio europeo. In luce Fca che rimbalza (+5,81%) dopo i timori legati ai dazi e insieme al ritorno di rumors, riportati da Asia Times di un interesse da parte di Hyundai. Avanza anche Exor (+4,19%). Tra gli altri rialzo del 2,88% per Fincantieri nonostante la revisione ad ‘accumulate’ di Banca Akros e la sconfitta in una grossa commessa in Australia assegnata invece al colosso britannico della difesa BAE Systems. Volano inoltre i bancari con Banco Bpm (+3,39% e Ubi (+3,33%) in evidenza. A seguire Unicredit (+2,59%) Banca Mediolanum (+2,62%) e, tra assicurativi, Unipol (+2,99%).
Bene poi Prysmian che ha lanciato un aumento da 500 milioni dopo l’acquisizione di General Cable. Vendite su Mediaset (-4,77%) con Morgan Stanley che taglia il settore dei media in generale. © ANSA

In Europa la settimana si chiude con la riscossa delle banche. I listini sono tutti impostati al rialzo (Stoxx Europe 600 Index Rises 1,2%) ma il settore finanziario performa addirittura meglio (+1,7%). Resta stabile l’euro a 1,1625 dollari. Londra guadagna l’1,1%, Parigi l’1,35% con Capgemini in evidenza (+2,8%). A Madrid (+1,39%) sugli scudi il Santander (+2,2%) e vola Caixa (+6%). A Francoforte (+1,45%) si mettono in evidenza Deutsche Bank (+3,5%) e Commerzbank (+2,8%). A Milano (+1,46%) l’euforia di Unicredit (+2,4%) e Intesa (+1,8%) è bilanciata dal tonfo di Mediaset (-4,6%). Sugli scudi anche Fca (+4,4%) ed Exor (+4%).(ansa.it)

a cura di Vincenzo Catapano

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Sperlonga, 4 indagati per la ragazzina morta aspirata dal bocchettone

Come viene riportato da “Il Messaggero”, quando un turista americano ha tentato di salvarla,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *