Comunali, Lega trascina il centrodestra, M5s frena.

La Lega trascina il centrodestra, il Movimento Cinque stelle frena, il centrosinstra perde alcune città importanti come Catania ma conquista Brescia e va al ballottaggio in diversi grossi Comuni del centro. Questi i primi risultati del voto alle elezioni che il 10 giugno hanno coinvolto oltre 700 Comuni, chiamando al voto oltre 6,5 milioni di cittadini italiani. Bassa l’affluenza alle urne del 62% circa, contro il 67,24% delle precedenti omologhe.A Brescia si afferma Emiliano DelBono, del centrosinistra, che va oltre il 53% contro il 38% di Paola Vilardi, candidata del centrodestra. Ad Ancona,  unico capoluogo di regione dove si è votato per eleggere il sindaco e il Consiglio comunale, Valeria Mancianelli, del centrosinistra, è avanti con il 47% sul Stefano Tombolini del centrodestra col 28%.Vicenza Francesco Rucco della Lega tenta il colpaccio al primo turno. E’ avanti di poco sopra il 50% mentre Otello Dalla Rosa del centrosinistra è al 45% e anche a Treviso il centrodestra vola verso la vottoria trascinato dalla Lega con Mario Conte al 54,3% mentre Giovanni Manildo, candidato del centrosinistra è al 38%.Ad Imperia si registra il ritorno di Claudio Scajola. L’ex ministro, nella sua città, di cui è già stato sindaco per due mandati, è risultato il più votato, staccando nettamente l’altro candidato del centrodestra, l’architetto Luca Lanteri, sostenuto dal ‘Modello Toti’, quello schieramento ampio che tiene insieme Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e Area popolare che governa in Regione, a Genova, La Spezia e Savona. Sarà ballottaggio.A Terni si profila una sfida tra il candidato della Lega e della coalizione di centro-destra, Leonardo Latini, e quello del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca, nell’eventuale ballottaggio. Escluso il Pd che aveva guidato la città negli ultimi anni.

Il centrodestra è in netto vantaggio anche a Teramo, con Giandonato Morra che vanta, con il 36% delle preferenze, con un distacco di 15 punti da Gianguido D’Alberto, candidato del Pd.Marco Scaramellini, candidato di centrodestra alla poltrona di primo cittadino a Sondrio, ha preso più del 40%: a fine mese si batterà con Nicola Giugni del centrosinistra.Anche a Brindisi il candidato di centrodestra, Roberto Cavalera, si batterà per il posto di primo cittadino con Riccardo Rossi candidato del Pd.A Fiumicino, dove ha votato il 55,52% degli aventi diritto, si profila ormai un ballottaggio tra il sindaco uscente Esterino Montino (Pd, Leu e 6 liste civiche) e l’ex ministro Mario Baccini (Forza Italia e 7 liste civiche).

Massa si profila una sfida tra Alessandro Volpi (centrosinistra) e Francesco Persiani (centrodestra). A Pisa ballottaggio tra il centrodestra (a guida Lega) e il centrosinistra con i candidati Michele Conti e Andrea Serfogli entrambi intorno al 32%, stessa storia anche a Siena con Bruno Valentini del centrosinistra al 27% e Luigi De Mossi del centrodestra al 24%.Per la prima volta da quando è stato introdotto questo sistema elettorale, sarà il ballottaggio a scegliere in sindaco di Imola che, sempre per la prima volta, sarà una donna. Negli ultimi 25 anni, infatti, il centrosinistra era sempre riuscito a portare il proprio candidato sindaco sopra la soglia della metà più uno dei votanti. Stavolta invece Carmen Cappello, sostenuta dal Pd e dagli alleati, si è fermata al 42%. Il 24 giugno se la vedrà con Manuela Sangiorgi del Movimento 5 Stelle, che ha preso il 29,2%.

a cura di Vincenzo Catapano

Written By
More from Redazione

Muore Maretta Scoca,dal 2007 giudice di “Forum”

Ci ha lasciati oggi, all’età di 79 anni, la nostra amata giudice Maretta...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *