Facebook, Zuckerberg: “Ci vorranno anni per risolvere problemi”

NEW YORK – “Ci vorranno anni per risolvere i problemi di Facebook”. Lo ha ammesso Mark Zuckerberg che in una nuova intervista a Vox replica anche alle critiche del Ceo di Apple, Tim Cook, definendole “superficiali e ridicole”.Nervi tesi nella Silicon Valley, dopo che l’onda lunga dello scandalo dei dati personali raccolti su Facebook ha travolto un po’ tutti i titoli tecnologici a Wall Street. Mentre qualcuno evoca la notte dei lunghi coltelli per spiegare come dietro le quinte la rivalità tra i giganti del web e della tecnologia sia più che mai accesa in questa fase.

Zuckerberg ha liquidato come non vera l’accusa mossa da Cook, secondo il quale i guai di Facebook nascerebbero dalla pratica seguita dal gruppo di Menlo Park di fare soldi sui dati personali degli utenti. Poi ha tentato ancora una volta di rassicurare i due miliardi di persone che navigano sul suo social network ma anche gli investitori, spiegando la stretta a cui si sta già lavorando per proteggere al meglio le informazioni personali e per limitare al massimo le attività di raccolta dati da parte di società terze. Come la Cambridge Analytica, che ha acquistato le informazioni di oltre 50 milioni di utenti Facebook per poi utilizzarle per scopi politici, per favorire l’elezione di Donald Trump e forse anche per influenzare il voto sulla Brexit.Zuckerberg predica comunque realismo: i problemi legati alle fake news che invadono la piattaforma di Facebook e l’intrusione di chi vuole influenzare i processi elettorali democratici non si risolvono dal giorno alla notte, serve tempo, forse qualche anno: “Mi piacerebbe poter risolvere la questione in tre o sei mesi, ma la realtà è che alcuni di questi problemi richiederanno un periodo di tempo più lungo”.Facebook – ha assicurato il suo fondatore – ha comunque già iniziato a investire nelle questioni relative alla sicurezza almeno un anno fa. “Se si tratterà di un processo di tre anni, siamo già nel primo anno – ha spiegato – e, si spera, entro la fine del 2018, avremo iniziato a voltare pagina su alcuni di questi problemi”.Ci sono almeno 14 mila dipendenti – ha aggiunto – che lavorano giorno e notte su questo, per rendere la piattaforma più sicura e per affrontare in maniera più efficace in futuro problemi come quello dell’interferenza russa nelle elezioni americane.

a cura di Maria Parente

Tags from the story
, ,
Written By
More from Redazione

Basilicata, acqua contaminata in mare, sigilli nell’impianto nucleare Itrec

La Procura di Potenza ha fatto eseguire stamani dai Carabinieri del Noe...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *