CHAMPIONS LEAGUE, LA ROMA SI AFFIDA AI GOL DI DZEKO PER VOLARE AI QUARTI

“Non s’interrompe un’emozione”. Era lo slogan che coniò Federico Fellini per combattere una battaglia contro l’abuso delle interruzioni pubblicitarie durante i film. “Fellini chi?” pensarono in tanti, quando nel 1995 si arrivò a referendum per limitarli. Insomma, avete capito: vinsero gli alfieri della pubblicità indispensabile, col 55,7%. Come dire, le emozioni si potevano interrompere. Più o meno lo stesso rischio corso da Edin Dzeko se a gennaio fosse andato in porto il suo trasferimento al Chelsea, dove non avrebbe potuto giocare la Champions League per averlo già fatto nella Roma. Possiamo dirlo? Ricordando la doppietta allo Stamford Bridge, per chi ama il calcio sarebbe stato un vero peccato. A pentirsi, però, speriamo che stasera sia soprattutto lo Shakhtar Donetsk, perché il centravanti è chiamato a essere la punta di lancia di una squadra chiamata a segnare almeno un gol per poter sperare di passare il turno e approdare a quei quarti di finale che, nel giorno del sorteggio agostano, visto il girone sembrava solo una chimera.926855956-0035-kmBH-U250891598801RmF-620x349@Gazzetta-Web_articolo.jpg
MISTER 50 — In fondo, il giorno in cui Dzeko è sbarcato a Roma era per vivere serate come queste. Per lasciare un segno che resti nel tempo. In fondo, al netto di tutti i detrattori, la sua storia giallorossa lo racconta. Per coloro che non fossero convinti della bontà del suo titolo di capocannoniere dello scorso campionato (29 gol segnati, 39 stagionali), basterebbe ricordare come il centravanti sia stato il primo calciatore della storia a segnare almeno 50 gol in tre fra i maggiori cinque campionati europei, ovvero nel suo caso Germania, Inghilterra e Italia.
LA PRIMA VOLTA — Eppure, nonostante un curriculum di primo livello, il bosniaco non è mai riuscito a superare le colonne d’Ercole degli ottavi di finale di Champions. Motivo in più, forse, perché la sfida di stasera sia una specie di ultima chiamata (o giù di lì). Di Francesco, comunque, punta su di lui. “L’ho visto meglio – spiega –. Tutti abbiamo un unico obiettivo: cercare di passare il turno e arrivare ai quarti. Ci passiamo attraverso un lavoro di squadra e di collettivo, ovviamente sapendo di avere davanti un centravanti che, se gli si dà la possibilità ed è in buona giornata, può fare gol straordinari e mettere la squadra nelle condizioni di segnare. Non solo lui ma, come ha fatto all’andata, può mandare in gol i suoi compagni. Insomma, Edin sarà determinante”.
a cura di Carmine Cilvini
Tags from the story
, ,
Written By
More from Redazione

Siria, Trump smentisce Macron: forze Usa a casa il prima possibile

“Il presidente Trump è stato chiaro affermando che vuole un ritorno a casa delle...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *