Elezioni 2018, cosa promettono i partiti su economia e lavoro

Pmi

Sostenere le piccole e medie imprese, cuore della produttività nazionale, e combattere la disoccupazione giovanile, uno dei problemi più gravi del Paese. In due parole, rilanciare l’economia e sostenere il mercato del lavoro. Sono questi due dei temi cardine dei programmi elettorali dei partiti in vista del voto del 4 marzo.Impresa 4.0green economyeconomia circolareriduzione delle tasse i temi affrontati dai partiti. Proposte diverse, ma con un punto comune: sarà per la sintesi necessaria a presentare il programma, ma sono poche le occasioni in cui vengono quantificati i costi delle misure proposte. E, aspetto altrettanto importante, le coperture per riuscire a finanziarle.

Partito democratico e liste collegate
Il primo riferimento alle imprese nel programma del Pd è di natura fiscale: riduzione dal 24 al 22% di Ires e Iri, incremento della deducibilità dell’Imu. C’è anche la proposta di rendere strutturali gli strumenti del Piano impresa 4.0, come il credito d’imposta per le aziende che investono nella formazione digitale dei dipendenti.Credito di imposta che il Partito democratico vuole allargare anche alle aziende turistiche impegnate in ristrutturazioni e nuovi investimenti. Non si quantifica, però, l’impatto di queste misure. Né quali siano le coperture per finanziarle.Nel programma di +Europa, lista legata ad Emma Bonino e alleata del Pd, si parla in maniera esplicita della necessità di rimuovere gli ostacoli burocratici che frenano lo sviluppo delle piccole e medie imprese.

a cura di Giuseppe Catapano

Written By
More from la redazione

Renzi,accelera con la legge sul biotestamento

Matteo Renzi scommette sull’approvazione, entro la fine della legislatura, della legge sul...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *