Energy drink, sempre più a rischio la salute dei giovani

Student working hard on difficult math problem

Gli energy drink continuano a essere mirino delle accese polemiche rispetto ai rischi per la nostra salute. Ora, infatti, a puntare nuovamente il dito contro queste bevande stimolanti sono stati i ricercatori dell’Università di Waterloo in Ontario, secondo cui più della metà degli adolescenti avrebbe sperimentato malesseri diffusi, e anche seri, dopo aver consumato gli energy drink. Più precisamente, nel loro studio, pubblicato sulle pagine del Canadian Medical Association Journal Open, è emerso che circa il 55% dei giovani tra i 12 e i 24 anni che consumano queste bevande hanno anche riferito di aver avuto eventi di salute avversi, come battito cardiaco accelerato, nausea e, in alcuni casi, anche convulsioni.Gli energy drink contengono sostanze stimolanti, come caffeina (in media 80 milligrammi per lattina, come in un espresso), taurina, guaranina, maltodestrina, carnitina, ginseng, mate, zuccheri come glucuronolattone, metilxantine e vitamine B. Ed è proprio sull’abuso e il cattivo bilanciamento di queste e altre sostanze e sulla scarsa informazione tra gli adolescenti che si concentrano le critiche e polemiche di associazioni mediche e dei consumatori.Oltre ai livelli molto elevati di caffeina, secondo i ricercatori canadesi, il vero problema sarebbe quello che i giovani preferirebbero mischiare gli energy drink con gli alcolici o consumarli in elevate quantità durante le attività sportive“Finora, la maggior parte delle valutazioni dei rischi si è basata sui livelli di caffeina come riferimento per stimare gli effetti sulla salute delle bevande energetiche, ma è chiaro che questi prodotti rappresentano un rischio più elevato per la salute”, spiega l’autore dello studio, David Hammond“Gli effetti sulla salute potrebbero essere dovuti ai ingredienti diversi dalla caffeina, o alle modalità con cui vengono consumati, per esempio insieme all’alcol o durante l’attività fisica. I risultati suggeriscono il bisogno di aumentare il controllo degli effetti di questi prodotti sulla salute”.

Student solving hard math problems

Per capirlo, il team di ricercatori ha coinvolto 2.055 giovani canadesi di età compresa tra 12 e 24 anni. Dai risultati delle interviste è emerso che tra coloro che avevano riferito di consumare bevande energetiche, ben il 55,4%aveva anche raccontato di aver subito effetti negativi sulla propria salute. Infatti, tra i giovani consumatori di energy drink, il 24,7% ha raccontato di aver avuto il battito cardiaco accelerato, il 24,1% difficoltà nel dormire e il 18,3% ha riportato mal di testa. E ancora: il 5,1% aveva sofferto di nausea, vomito o diarrea, il 5% ha dovuto richiedere assistenza medica, il 3,6% ha riferito di aver avuto dolori toracici e lo 0,2% di avere avuto un convulsioni. “Il numero di effetti sulla salute osservati nel nostro studio suggerisce che si dovrebbe fare molto di più per limitare il consumo di queste bibite, soprattutto tra i bambini e gli adolescenti”, precisa l’autore. “Ma, al momento, non ci sono restrizioni sull’acquisto degli energy drink da parte dei bambini, ma anzi vengono venduti nei supermercati e alcune pubblicità sono addirittura destinate ai bambini”.

a cura di Maria Parente

Tags from the story
Written By
More from la redazione

Disfatta all'italiana: fuori dai Mondiali

Il giorno dopo la disfatta dell’Italia parte la caccia al colpevole. Tra i tifosi, ancora...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *