Giudicate Voi "Immigrazione: tra verità e pregiudizio"

C’è chi parla di fenomeno e chi lo definisce un problema: sta di fatto che di immigrazione si parla tanto ma si dice troppo poco. Talvolta quando si affronta l’argomento ciò che trapela nei discorsi delle persone è disinformazione e tanta ignoranza : “gli immigrati sono delinquenti” oppure “queste persone ci rubano il lavoro” o,peggio ancora”uomini e donne portatori di malattie“. Troppo facile parlarne in questi termini anzi aggiungerei limitativo. L’immigrazione ha origini ben più profonde che meritano di essere esaminate con intelligenza e sensibilità.

26239109_10155482622522217_792497519989923017_n

La 15^ puntata del talk show “Giudicate Voi“ha affrontato l’argomento immigrazione portando alla ribalta quelli che sono considerati i pro e contro all’integrazione in Italia. In studio il Prof. Giuseppe Catapano(Rettore AUGE),Prof.Cesare Cilvini(Tesoriere AUGE),Dott.Gennaro Sannino(Presidente Ass. Noi Polizia), il Prof. Carlo Roberto Sciascia(organizzatore eventi d’arte),il Dott.Mario Eugenio Sepe(consulente industriale) e Angela Lyma che,originaria della Tanzania,ha raccontato la sua storia quale esempio positivo di integrazione nel nostro Paese: è sposata con un musicista italiano ed insieme oltre la famiglia hanno messo su una band musicale. Il Prof. Giuseppe Catapano prende in mano le redini del discorso:”L’Italia ed in particolare l’Europa è un continente civile,non dobbiamo parlare di razzismo. Le barriere sono create dai media nei confronti degli immigrati portando alla ribalta solo gli aspetti relativi alla delinquenza e alla criminalità. L’immigrazione se è definita un problema dipende proprio dal fatto che,a livello europeo,non esistono leggi che regolamentano l’ospitalità. L’unione delle razze e dei popoli può generare ricchezza ma deve essere regolamentata“. Il Prof. Cesare Cilvini precisa che “non bisogna generalizzare quando si parla di immigrati definendosi tale colui che viene in Italia per cercare lavoro e raggiungendo il nostro Paese in condizioni disperate. Ben vengano coloro che da un paese povero riescono a migliorare la propria vita andando a vivere in un altro paese e stabilirsi,quindi integrarsi.Sarebbe innanzitutto necessario che,ancor prima di essere integrati, i nuovi arrivati vengano sottoposti a controlli medici e cure laddove sia necessario garantendo loro un’esistenza serena.”Arcamone.jpg

Ospite della puntata l’autrice Diana Arcamone per la rubrica “L’angolo della lettura” con il suo libro “Tutto arriva a chi ci crede”(Graus Editore): “Ognuno di noi ,ogni giorno,si ritrova a dover combattere tra ciò che è stato e ciò che sarà in questo modo perdendo di vista il presente. Un manuale,più che un libro,che aiuterà il lettore a riscoprire l’importanza e la bellezza delle piccole cose e provare a distogliere l’attenzione dai pensieri negativi e dai problemi che incombono la nostra esistenza. L’autrice spiega, attraverso un linguaggio universale, come la fisica quantistica e le neuroscienze abbiano di fatto dimostrato che l’energia vitale di cui siamo costituiti ci mette in relazione con la realtà in un rapporto di connessione e compartecipazione che non ci vede come entità a sé, ma come parte del tutto.” Il ricavato del libro sarà interamente devoluto a Telethon ed in particolare all’Istituto Telethon di genetica e medicina (Tigem) di Napoli.In compagnia dell‘Avv. Gourmet Sergio Sbarra e per la rubrica l’angolo Gourmet lo Chef Francesco Pucci e la Sommelier Tiziana Di Maro dalla taverna “La riggiola” di Pietro Micillo.

a cura di Maria Parente

Written By
More from la redazione

La recessione è servita, dopo la crisi un italiano su 5 mangia peggio

A seguito della grande crisi che ha colpito la nostra penisola dal...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *