SPOLETO ART FESTIVAL: CON L’AUTORE VITO PINTO E IL SUO ULTIMO LAVORO “VIAGGIO INVERSO”, ALESSANDRA FUSCO PIANOFORTE E NORIS CASERTA SOPRANO.

Domenica ,11 giugno 2017,si è conclusa la prima settimana dello Spoleto Art Festival To Napoli,presieduto dal prof. Luca Filipponi, con la presentazione del libro di Vito Pinto “Viaggio Inverso-Letterati artisti e dive sulla Costa d’Amalfi”,Graus Editore. Con l’associazione “Joseph Beuys ed oltre” presieduta dalla Dott.ssa Maria Grazia Salpietro e con il direttore di Raitolibri Francesco Grillo,giornalista e blogger,ci si è immersi in un’atmosfera sublime che ,solo pochi luoghi al mondo sanno rendere,tra questi la Costiera amalfitana.L’autore ha riproposto con il suo racconto la storia di ben 40 personaggi che hanno vissuto la costiera,ribadendo come quest’ultima non debba essere considerata come un luogo esclusivamente mondano ma ,bensì, di accoglimento e socialità.   “ Con il racconto di Vito,quest’oggi,intendiamo scalfire una impronta importante nella cultura a livello nazionale. L’autore ,Vito Pinto è un uomo di grande cultura:  con la sua tenacia è riuscito a rintracciare notizie esclusive per dare vita ad un volume unico,un’eccezionale promozione qualora ce ne sia ulteriore bisogno,per la Costiera”. A seguito della precisa introduzione da parte di Francesco Grillo, Vito prende la parola: “Dunque,sono originario di Vietri ,figlio delle ceramiche. Nel 1986 scrissi un volume sull’argomento che attualmente è annoverato nei cataloghi dei libri d’arte di antiquariato in America al costo di 186 euro. Potrei affermare che la ceramica fa parte del mio dna ,è il leitmotiv della maggior parte dei miei scritti. Ed infatti, anche nel mio ultimo lavoro “Viaggio inverso”,ci sono diversi riferimenti alla materia. Tra tutti i personaggi narrati,c’è ne uno che mi gratifica in particolar modo: è una donna polacca,fuggita dalla sua terra nel 1939,quando Hitler la prese d’assedio. Lei era una donna molto sensibile e descriveva ciò che portava dentro plasmando la ceramica,donando senza alcun dubbio un tocco di originalità alle sue creazioni nella città di Vietri. Tante persone e,tanti personaggi,si sono rifugiati in quel luogo meraviglioso: cito Stefan Andres,scrittore tedesco ,che lasciò la Germania trasferendosi a Positano,per aver sposato una donna “mezza ebrea”. Ci tengo a riportare i nomi di queste personalità proprio per dare risalto all’aspetto sociale della mia terra poiché,sono certo,saranno note le storie di diversi attori e artisti che lo stesso incontrerete leggendo il mio libro:da Anna Magnani che si recò in Costiera per girare un film con il regista,nonché compagno, Roberto Rossellini a Greta Garbo che si affacciò alla Costiera per qualche giorno di relax ,senza dimenticare Edoardo De Filippo che trova in Positano la sua seconda casa e comprando l’isola d’Isca(o più noto scoglio d’Isca). Potrei parlarne per giorni ma finirei per svelare tutto e voi non proverete poi tanta curiosità nel leggerlo!(sorride)”. La Dott.ssa Salpietro conclude il momento letterario di questa giornata dello Spoleto Art Festival: “ Consiglio a tutti di leggere quest’Opera “Viaggio inverso” perché,oltre che un viaggio strepitoso nella Costiera Amalfitana,si presenta una lettura scorrevole e molto gradevole.” Il soprano Tania Di Giorgio,direttrice artistica della I edizione dello Spoleto Art Festival To Napoli, da il proprio contributo alla presentazione omaggiando la grande attrice Anna Magnani con l’interpretazione del testo de “La fioraia del pincio”  .

La presentazione è stata accompagnata dall’eleganza di Alessandra Fusco,pianoforte,deliziando i presenti le sue armoniose note e,a seguire, ancora un omaggio canoro ad Anna Magnani grazie alla sublime interpretazione del soprano Noris Caserta concludendo la serata con un concerto intitolato “Preghiera” ed interamente dedicato alla Nostra Signora. I brani interpretati dal soprano Noris Caserta sono: “Fratello Sole,sorella Luna”, “Ave Maria”(F. Schubert), “C’era una volta l West”(E. Morricone),”Ave Verum”(Mozart) ,”Panis Angelicus”(C. Franck), “O mio Signore”(F. Haendel) e “Preghiera” (M.Martini).

Vi aspettiamo mercoledì 14 giugno,ore 18.00,presso il Santuario dell’Immacolata sulla Riciera di Chiaia per un nuovo appuntamento con l’arte e la cultura.

a cura di Maria Parente

Written By
More from Redazione

Fenati: “Ho chiuso col motomondiale, torno a lavorare in ferramenta”

Col motomondiale ho chiuso. Non correrò mai più”. Romano Fenati in un’intervista...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *