Riforme, riprende l’esame al Senato. Ma è guerra sui tempi serrati imposti dal governo

«Mi associo alla protesta del presidente dei senatori di Fi, Paolo Romani, che ha definito ‘irragionevole’ il calendario proposto ieri dalla maggioranza» per la riforma del Senato. Così il presidente dei deputati di Fi, Renato Brunetta, che ha chiesto stamattina un pronunciamento di Napolitano su un metodo che, di fatto, «sequestra» un ramo del Parlamento. Per Brunetta, se non si vuole un “gravissimo vulnus” vanno applicate le stesse regole della Camera, dove sono vietati tagli dei tempi su norme costituzionali. Questa mattina l’aula di Palazzo Madama ha ripreso l’esame del ddl del governo con le riforme costituzionali, e, come nelle due precedenti giornate, i senatori di Sel, M5S ed ex M5S che intervengono illustrano i circa 2.100 emendamenti presentati al primo articolo del ddl, che riguarda il futuro Senato.

Written By
More from genteattiva

Eni, sciopero generale contro la chiusura di Gela

Eni, sciopero generale contro la chiusura di Gela. Anziché trasmettere fiducia e...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *