Se salta il Senato non elettivo si torna alle urne

“Sulla riforma del Senato non ci si può richiamare alla libertà di coscienza. Io a Renzi l`ho detto apertamente: così non si può andare avanti. Se la riforma del Senato non viene approvata, torniamo a chiamare al voto il popolo italiano, che già con il 40,8% ha dato un`ulteriore validazione alla nostra impostazione, e chiediamo cosa ne pensa. Altrimenti questa manfrina costringe l`Italia per altri anni a stare ferma e a non fare assolutamente niente”. Lo ha detto Roberto Giachetti (Pd) intervenendo ad Agorà, su Rai3.

“Una volta che c`è stato l`accordo tra due leader e due forze politiche come Partito democratico e Forza Italia – ha aggiunto – su quell`accordo si deve andare avanti. Poi ovviamente in aula al Senato si vedrà quale sarà lo stato dell`arte, ma gli italiani devono sapere che se salta tutto succede perché evidentemente c`è qualcuno che questa riforma reale del Senato non la vuole. E segnalo che la scelta di un Senato non elettivo è stata approvata da 1,8milioni di persone attraverso le primarie visto che era nel programma di Renzi”

Written By
More from genteattiva

Imprese e comunicazione: dura prova per la produzione italiana

Crisi economica, disoccupazione, consumi in calo, redditi insufficienti, difficoltà di risparmio: questi...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *