Renzi: nessun cambiamento per il governo dopo il voto

“Noi siamo al Governo, Forza Italia e il Movimento 5 Stelle sono all’opposizioe. Per la situazione politica italiana la situazione non cambiera’, perche’ votiamo il Parlamento Ue”. Il premier Matteo Renzi da giorni va ripetendo il concetto come una cantilena. E lo fa anche oggi a Radio Anch’io. Dunque, mette al riparo il governo da eventuali contraccolpi, ma sa bene che non può fare lo stesso per il partito di cui è segretario. “Se il Pd va sotto il 25-26% si può dire che ha perso”, afferma Renzi, aggiungendo che “il Pd avrà invece vinto se riuscirà a essere il primo partito dentro il gruppo dei socialisti europei”. 
Tra i temi affrontanti anche quello di eventuali alleanze per le riforme, si dice pronto e disponibile, ma “non per creare una nuova maggioranza di Governo”. Di una cosa è certo: “Se falliamo la colpa è mia. Non cerco alibi. Se vinciamo vincono gli italiani”. Cioé “se non mi fanno fare le riforme allora si che è fallito il mio progetto e vado a casa”, dice il premier a Radio Anch’io. “Io sono qui a Roma per cercare di cambiare le regole del gioco”.
Come Berlusconi, che poco prima lo aveva definito “una bufala”, anche Renzi affronta il capitolo spread.  “No non credo ai burattinai dello spread”, così commenta la risalita dello spread e l’ipotesi che il differenziale fra Btp e Bund possa essere condizionato dal risultato elettorale. “È naturale che quando c’è una prospettiva di sviluppo i mercati mandino sotto lo spread: ora gli operatori leggono i giornali e vedono incertezza, ma io non credo ai burattinai”.

Written By
More from genteattiva

Chiedetevi perché il Pd non vuole aiutare gli italiani

Mistero: ma perché quelli del Pd non propongono mai nessuna vera via...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *